Home / Politica / Iorio: “Caro Facciolla, ti avevo avvertito ma non hai ascoltato”

Iorio: “Caro Facciolla, ti avevo avvertito ma non hai ascoltato”

“Non posso non esprimere piena soddisfazione per la decisione del Tar Molise che ha costretto l’assessorato all’Agricoltura a riesaminare le domande dei ricorrenti alla luce di quanto contenuto nei rispettivi ricorsi sospendendo l’esecutività dei provvedimenti impugnati”. Lo scrive il consigliere regionale, Michele Iorio. “Sono circa 300 i giovani molisani che si sentono sfiduciati per le modifiche apportate, dopo la scadenza del termine ultimo per la presentazione delle domande, al bndo Pacchetto Giovani del Psr 2014 – 2020. Tanto sfiduciati da aver rinunciato a partecipare al Bando nonostante avessero investito sul “Pacchetto Giovani” sia in termini di speranze che in termini concreto aggravandosi di iniziative costose quali l’iscrizione alla CCAA, all’INPS, apertura di P.Iva, ecc… Molti però sono i punti oscuri della gestione da parte dell’assessorato all’Agricoltura: si va dalla poca trasparenza con cui si è dato luogo alle procedure attraverso la complessità dei criteri di assegnazione dei finanziamenti e ai continui rinvii dei bandi che hanno alterato la par condicio delle aziende partecipanti alla inopportuna nomina del soggetto responsabile istruttore delle misure Psr 2014 – 2020 incompatibile per il ruolo politico ricoperto che lo vede sia sindaco di un Comune della provincia che consigliere della Provincia di Campobasso.
Con i mezzi che la legge mette a disposizione delle opposizioni abbiamo tentato, invano, di far raddrizzare il tiro al governo regionale per il bene dei cittadini.
Ma come sempre loro non ascoltano e tirano dritto come muli pur di raggiungere i loro obiettivi”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Trasporto su gomma, ora urge la gara per il gestore unico

E’ stato necessario un Consiglio regionale e una variazione di bilancio per reperire i 19 …

2 commenti

  1. Giannantonio Bombelli

    Non capisco proprio su quale base Iorio si arroghi il diritto di dispensare consigli

  2. Arianna Di Biase

    Ci siamo stancati di ascoltare le solite voci di sempre, di vedere i soliti volti di sempre, che tanto hanno nuociuto alla regione. In altri posti si è avuta la lungimiranza di cambiare: facciamolo anche noi! Dipende solo da noi cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*