Home / Ambiente / Io non rischio
isernia

Io non rischio

Torna per il terzo anno consecutivo ad Isernia e sempre più determinata, la campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali che interessano il nostro Paese: sabato 15 e domenica 16 ottobre circa 7.000 volontari e volontarie allestiranno punti informativi “Io non rischio” in circa 650 piazze distribuite su tutto il territorio nazionale per sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.

Protagonisti della campagna i volontari dell’ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO  – VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE – DELEGAZIONE DI ISERNIA che vi aspetteranno in PIAZZA DELLA REPUBBLICA ad Isernia in cui verrà svolta la campagna dalle 8:00 alle 20:00 di Sabato 15 e domenica 16 ottobre, formati nei mesi scorsi sotto il coordinamento del Dipartimento della Protezione civile per diffondere la cultura della prevenzione del rischio nel territorio dove operano ordinariamente. Il volontariato si trasforma quindi in uno strumento attivo di comunicazione delle buone pratiche di protezione civile.

“Il volontariato di protezione civile è un punto di riferimento importante non solo nelle emergenze, ma anche nell’attività di prevenzione, che va fatta ogni giorno”: con queste parole il Capo del Dipartimento Fabrizio Curcio ha aperto la conferenza stampa di presentazione della campagna Io non rischio, che si è svolta nella mattinata del 13 c.m. a Roma, nella sede di Via Ulpiano del Dipartimento della Protezione Civile. Il Capo del Dipartimento ha inoltre ricordato che il lancio ufficiale della campagna è coinciso con la Giornata Internazionale per la riduzione del rischio da disastri naturali, perché il tema della prevenzione non è una problematica locale, ma mondiale, e che l’impegno stabilito da protocolli e accordi come quello di Sendai del marzo 2015, trova la sua applicazione anche in questa iniziativa.

L’edizione 2016 della campagna si carica quest’anno di un significato speciale, proprio in riferimento al terremoto del 24 agosto nel Centro Italia. Anche per questo motivo, per promuovere la campagna su Twitter attraverso il tweetstorm – una tempesta di tweet simultanei che ha preso il via durante la conferenza stampa – si è scelto di affiancare a #iononrischio2016 anche l’hashtag #cuorealcentro. Durante il tweetstorm, l’hashtag #iononrischio2016 è arrivato al quarto posto dei  trending topic italiani, mentre #cuorealcentro è arrivato all’ottavo posto.

Io non rischio è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. Partner scientifici sono, inoltre, Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

Bandi periferie, un Consiglio nullo

Un Consiglio comunale a Campobasso senza un sussulto. Convocato sulla questione del Bando per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*