Home / Politica / “Inquinamento area Venafro, intervengano i ministri della Salute e dell’Ambiente”

“Inquinamento area Venafro, intervengano i ministri della Salute e dell’Ambiente”

“Ho formalmente inviato al Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin e al Ministro dell’Ambiente On. Gian Luca Galletti, una lettera informativa e di sollecito affinché incontrino al più presto le associazioni e le istituzioni del Venafrano. Le popolazioni locali sono fortemente preoccupate e c’è bisogno di un intervento tempestivo affinché si possano raccogliere tutti i dati possibili ed eventualmente porre in essere soluzioni concrete. A tal proposito, già entro la giornata di domani, presenterò una interrogazione ai ministeri competenti per chiedere che vengano valutati tutti i dati attualmente in possesso sulla qualità dell’aria e quelli relativi all’incidenza, nell’area del venafrano,  di tutte quelle patologie connesse all’inquinamento ambientale. È necessario fare chiarezza anche alla luce della imminente e a mio parere ingiustificata, dismissione di una delle due centraline di monitoraggio della qualità dell’aria dell’ARPAM presenti nel territorio di Venafro, così’ come previsto dalla delibera di Giunta Regionale n. 451 del 07/10/2016.” Sullo stesso argomento, da registrare anche l’intervento dell’onorevole dem. Laura Venittelli.

“Sono anni che ci impegniamo e battiamo per tutelare il territorio e le persone che vivono in Molise, per questo ho ritenuto opportuno interrogare sia il Ministro dell’Ambiente che quello della Salute per sapere se siano a conoscenza delle criticità del territorio, anche per la presenza di impianti rilevanti in termini di emissione come Herambiente e Colacem e se non ritengano di assumere, con urgenza, iniziative per monitorare, anche per il tramite del comando dei Carabinieri per la tutela dell’ambiente, dell’Ispra e dell’Istituto superiore della sanità, i rischi ambientali e sanitari dei due siti. Con attenzione abbiamo ascoltato le rivendicazioni legittime delle migliaia di persone che dieci giorni fa hanno partecipato alla manifestazione per sensibilizzare sulle tematiche ambientali a Venafro. In tempi non sospetti, appena venuto fuori che la piana venafrana fosse considerata una sorta di appendice molisana della Terra dei fuochi abbiamo promosso iniziative di carattere parlamentare per tutelare quella parte della regione, compreso un ordine del giorno trasmesso a tutti e 136 i comuni. Adesso, anche alla luce di quanto evidenziato pubblicamente, occorre davvero mantenere alta la guardia”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campobasso, la Regione rilancia sul Masterplan

Campobasso, la città che sotto gli occhi attoniti dei cittadini che hanno avuto conoscenza della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*