Home / Politica / Infrastrutture necessarie e con idee

Infrastrutture necessarie e con idee

di Giuseppe Saluppo

Le infrastrutture non sono per definizione, né necessarie, né sufficienti. Devono poter essere utili: alla mobilità di una comunità, alla competitività dell’industria, allo sviluppo turistico di un territorio. E il Molise ne ha estremamente bisogno. Occorre, pertanto, intervenire con urgenza sulle infrastrutture, anche per permettere di recuperare il gap del sud Italia rispetto al nord e della nostra nazione rispetto al resto dell’Europa. Da noi, però, non è stata fatta saltare l’ipotesi di realizzazione dell’Autostrada? Oggi l’Europa sta puntando sulla rete ferroviaria e il Molise risulta essere grande assente. Eppure è il tratto più corto di collegamento tra Adriatico e Tirreno. Perchè non sfruttare, allora, questo percorso e far vedere con un progetto reale e credibile che il territorio è appetibile? Anche alla luce della crisi economica che ha coinvolto lo scenario mondiale, si profila un futuro per il nostro Paese in cui tra le linee guida da seguire vi sarà verosimilmente la necessità di programmare investimenti in infrastrutture e tecnologie e richiamare la sensibilità soprattutto delle istituzioni per pianificare, definire normative, sistemi di incentivazione e regole sempre più rivolte a favorire l’intermodalità e la crescita del trasporto ferroviario. E’ anche questa una sfida che la Regione deve portare nelle sedi competenti anche scommettendoci finanziariamente di proprio. Del resto, è ancora bassissima la spesa dei fondi europei che potrebbero trovare collocazione in tale genere di investimenti. Ecco perchè bisogna ripartire dagli investimenti in infrastrutture per sostenere la crescita economica. Occorre, dunque, riportare le infrastrutture al centro del programma per lo sviluppo della regione, tramite l’identificazione di 5 o 6 opere urgenti, che possano dare un impulso allo sviluppo ed allo stesso tempo influenzare positivamente l’immagine del nostro territorio. Il tempo, però, scorre implacabile e non lascia scampo. Lasciando desolazione, desertificazione, abbandono.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Fanelli: “Fermiamo il governo del cambiamento…in peggio!”

“Uno scippo ai Comuni italiani, un pericoloso ritorno al passato sui vaccini, due schiaffi dolorosi …

Un Commento

  1. Gianmaria Depensieri

    Io lavoro nel mondo della logistica e non posso che sottoscrivere quanto sopra affermato. Vi faccio un esempio: Genova è il primo porto commerciale d’Italia, eppure è sottodimensionato perché non si costruisce ancora il terzo valico, ossia il terzo ingresso delle infrastrutture ferroviarie nei vari terminal portuali. Questo che cosa comporta? Accettare meno containers, lasciare che vengano dirottati su altri porti, in poche parole: essere secondi. Purtroppo il Molise non è neanche secondo, e’ agli ultimi posti perché non si è fatto, negli ultimi due decenni, nessun tipo di investimento viario e ferroviario. Guardate la tratta Campobasso-Roma, guardate la Bifernina, guardate i collegamenti fra i paesini dell’entroterra. Come si può difendere l’autonomia regionale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*