Home / Sanità / “Infermieri, indignitosa insicurezza”

“Infermieri, indignitosa insicurezza”

Infermieri troppo pochi in Molise. I dati che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi sono, ora, rilanciati dall’Ordine regionale degli infermieri.  “Ad oggi – si legge nella nota inviata alla Regione e all’Asrem- nel piano di fabbisogno alla data del 1 luglio, la ASReM evidenzia una carenza di circa 600 infermieri, a cui si aggiungeranno i pensionamenti dei prossimi mesi. Si evidenziano carenze nelle altre strutture. Dati internazionali evidenziano che ogni volta si assegna un assistito in più a un infermiere aumenta del 23% l’indice di stress, del 7% la mortalità dei pazienti, del 7% il rischio che l’infermiere non si renda conto delle complicanze a cui il paziente va incontro.  Ipotizzando quindi che si riesca ad avere un rapporto di 1 infermiere per 6 pazienti – si sottolinea nella nota –  e nello staff fosse presente almeno il 60% di infermieri, potrebbero essere evitate 3.500 morti l’anno. “In conclusione – aggiunge l’Ordine degli infermieri –  non si può continuare “a giocare” con i numeri perché alla domanda di salute del cittadino tutto ciò non interessa ed allo stato attuale l’infermiere, responsabile dell’assistenza, non è in grado di soddisfare nella maniera ottimale i suoi bisogni. Per questo – chiude la nota – invitiamo a verificare, personalmente, le presenze del personale infermieristico nelle varie Unità Operative dei Presidi ospedalieri e sul territorio perché è solo in questo modo che ci si può rendere conto come il paziente da una parte e l’infermiere dall’altra vivono una stessa (anche se diversa) situazione di indignitosa insicurezza”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Addio alla tradizione agro/alimentare tricolore”

di Massimo Dalla Torre Un tempo l’Italia era la patria della cucina, tant’è che quando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*