Home / Territorio / “Il Pronto soccorso di Larino va riaperto”

“Il Pronto soccorso di Larino va riaperto”

“Dalla manifestazione del 21 luglio scorso, organizzata da un movimento spontaneo di cittadini, e dopo gli eventi sismici del 14 e 16 agosto 2018, è nato il Comitato Basso Molise per il Bene Comune che, supportato dal Forum per la difesa della sanità pubblica, sta promuovendo in questi giorni una raccolta firme nei comuni dell’area cratere per chiedere la riapertura del Pronto Soccorso al Vietri di Larino”. Lo scrive, in una nota, il Comitato Basso Molise per il bene comune. “Il Comitato sta sensibilizzando ulteriormente i sindaci dell’area cratere affinchè, nella loro qualità di responsabili della salute pubblica, possano incontrarsi per stilare un documento comune di richiesta ufficiale della riapertura del Pronto Soccorso del Vietri di Larino.
“In considerazione dell’orografia del territorio, l’atavico sistema viario e le numerose frane che lo interessano, nel Basso Molise è operativo un unico punto di Pronto Soccorso che da servizio a circa 130 mila abitanti, numero che quasi raddoppia nel periodo estivo, e la distanza di alcuni comuni del cratere non consente l’intervento, per alcune patologie, nei minuti utili a salvargli la vita, soprattutto nel periodo invernale quando neve, nebbia e pioggia si abbattono sul territorio. Lo stesso Pronto Soccorso, inoltre, è ubicato a valle della diga del Liscione e questa risulta una grave criticità, oltre al pericolo per la zona industriale in caso di calamità.”
Questi i motivi per cui viene richiesta l’immediata riapertura del Pronto Soccorso del Vietri di Larino, ospedale ubicato al centro del cratere, già protagonista durante il terremoto del 2002.
Corale la risposta all’iniziativa delle firme da parte dei cittadini dell’area che risentono notevolmente dei disagi nel raggiungere il San Timoteo di Termoli e nei tempi di attesa per accedere ai servizi. “In pochi giorni sono già state raccolte 3mila firme nei comuni di Montorio, Montecilfone, Ururi, Rotello, Bonefro, e noi li ringraziamo fortemente per aver risposto così copiosamente al grido che ci unisce tutti a favore di un sacrosanto diritto che non ci viene garantito.”
Il banchetto per la raccolta firme farà tappa nei prossimi giorni a San Giuliano, Colletorto, sabato sarà a San Martino in Pensilis e Casacalenda, domenica a Santa Croce di Magliano.
“Il nostro appello è rivolto a tutti i sindaci dell’area cratere che possano passarsi una mano sulla coscienza e prendere a cuore il benessere di tutti i cittadini del Basso Molise sostenendo fortemente la riapertura del Pronto Soccorso del Vietri di Larino attraverso una determinata e convinta iniziativa comune.”

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Non facciamo del Molise un vuoto a perdere

di Giuseppe Saluppo Case senza famiglia, disabitate d’anime, nascite e cuori; non case, ma vuoti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*