Home / Politica / “Il fatto non sussiste”. Assolto, in Cassazione, Michele Iorio

“Il fatto non sussiste”. Assolto, in Cassazione, Michele Iorio

Il fatto non sussiste. Così, la Corte di Cassazione ha assolto dal reato di abuso d’ufficio Michele Iorio e Gianfranco Vitagliano, annullando la condanna inflitta dalla Corte d’Appello di Campobasso a sei mesi di reclusione e a un anno di interdizione dai pubblici uffici nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta ‘Zuccheropoli’. La sentenza definitiva dei giudici della Suprema Corte dopo l’udienza e la camera di consiglio. Secondo i magistrati “il reato non sussiste”. Il filone d’inchiesta da cui è nato il processo si riferisce al 2009, ovvero al mancato esercizio del diritto di prelazione della Regione nella cessione delle quote dello Zuccherificio tra gli imprenditori Luigi Tesi e Remo Perna. Diritto di prelazione, affinché le quote della società a partecipazione pubblica non rendessero possibile una svalutazione tale da avvantaggiare il nuovo acquirente. All’epoca dei fatti Iorio e Vitagliano erano rispettivamente presidente della Regione e assessore a Bilancio e Programmazione. Gli avvocati Arturo Messere e Oreste Campopiano sono riusciti a dimostrare l’insussistenza delle contestazioni.

Alla luce della sentenza e in virtù della Legge Severino, Michele Iorio potrà chiedere di essere reintegrato in Consiglio regionale al posto di Eleonora Scuncio, che gli era subentrata temporaneamente subito dopo le elezioni di primavera.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Di Lucente: “Sul Corecom montata una storia surreale”

“La vicenda delle nomine al Co.re.com sta sfuggendo di mano. Gli attacchi e la campagna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*