Home / Politica / Guarracino: “Molise escluso dai Cammini turistici e Di Nunzio resta a guardare”

Guarracino: “Molise escluso dai Cammini turistici e Di Nunzio resta a guardare”

“Quante responsabilità ha questo governo”- sostiene il Segretario della UILTuCS Molise- ” Responsabilità legate alla totale assenza di decisioni, che ha caratterizzato l’operato – anzi il “non operato”- politico di questi ultimi anni”  incalza Guarracino, secondo il quale è evidente e sotto gli occhi di tutti quanto sia stato inconcludente il governo di una regione, il Molise,  in cui non si è capito quale fosse il progetto di sviluppo, ma soprattutto non è mai stato chiaro quali fossero gli obiettivi  del governatore Frattura e a cosa puntasse, e cosa, soprattutto,  avesse in mente per un progetto di  rilancio del Molise. Il turismo doveva essere il grande traino per la ripresa economica del Molise, e per tutelare e valorizzare  il nostro territorio che altrimenti rischia l’abbandono; ma, purtroppo, è sotto gli occhi di tutti,  in maniera incontestabile, che non è mai stato fatto nulla per il turismo, non si è rivista né modificata la legge sul turismo:  tutto questo per colpa dell’azione inadeguata e inconcludente  della Regione e  del Consigliere delegato al Turismo, Domenico Di Nunzio. Addirittura, l’incapacità del delegato ha portato come conseguenza che il Molise sia stato escluso  dall'”Atlante dei Cammini d’Italia”, un contenitore di percorsi e itinerari pensato come una rete di mobilità, dalla quale una regione come la nostra, la regione dei tratturi, del “cammina Molise”, piena di piccoli borghi, scenario perfetto del “turismo a piedi”, è rimasta fuori, per colpa  dell’inadeguatezza e del non impegno di Di Nunzio.” Ma – sostiene Pasquale Guarracino –  la responsabilità di tale situazione è del governatore Frattura che ha assegnato la delega al turismo sin dall’inizio a Di Nunzio, che davvero nulla ha fatto per questo settore. E’ ancor più grave che, dopo aver visionato i dati del settore turismo, il Governatore non abbia assunto alcun provvedimento politico per togliere la delega del turismo mal assegnata a Di Nunzio e, ad oggi, si può affermare se qualcosa si è fatto nel settore è solo grazie all’impegno di imprenditori locali e di persone di buona volontà. la Regione è stata totalmente assente. Neanche quando è stata sottoposta una legge sul turismo a costo zero per la Regione, il Consigliere Di Nunzio l’ha presa in considerazione: eppure è ancora lì ad occupare la sua poltrona.”

“L’inerzia del Governatore e dei suoi collaboratori politici  in questo caso è la prova del fatto che SBAGLIARE è UMANO, ma PERSEVERARE è DIABOLICO.” – conclude Guarracino.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Chiacchiere in Consiglio regionale. Tavolo di lavoro a Roma con imprenditori

I molisani a Roma che aderiscono all’Associazione “Forche Caudine” hanno del Molise una visione molto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*