Home / Politica / Guarracino: “Frattura racconta un Molise che non esiste”

Guarracino: “Frattura racconta un Molise che non esiste”

“Continuo a leggere comunicati del Governatore Frattura che ci raccontano di un Molise che non esiste, almeno non nei nostri uffici e per le strade. Non mi spiego come sia possibile che il Governatore continui a raccontare che va tutto bene nella nostra Regione, ma noi continuiamo ad incontrare ed assistere file di lavoratori che manifestano e si lamentano per la perdita del proprio posto di lavoro, rammaricati e disperati per le soluzioni promesse ma non mantenute, file di lavoratori disillusi ed umiliati, , file di persone che hanno perso la propria dignità”. Ci va giù duro il segretario della Uiltucs, Pasquale Guarracino, dopo le dichiarazioni del presidente della giunta regionale, Paolo Di Laura Frattura.
“Mi viene da pensare che il Governatore Frattura interpreti i dati nella stessa maniera con la quale aveva dichiarato pubblicamente, insieme al delegato alla Cultura Ioffredi, che la Biblioteca Albino – e chi vi lavorava – erano salvi: oggi i cancelli della Biblioteca sono ancora tristemente chiusi, il MIBACT ancora non ha garantito la tanto pubblicizzata apertura ed i lavoratori addetti ai servizi della Biblioteca sono ancora in attesa che tutto cambi, sostenuti solo dagli ammortizzatori sociali. E questo è soltanto uno dei tanti esempi
che potrei portare riguardo alle situazioni che negli ultimi anni hanno visti coinvolti i molisani.
Se questa è l’ottica interpretativa, capisco perchè i dati riportati dal Governatore si scontrano con la realtà: le persone, per strada, dicono tutt’altro e questo, al momento, è l’unico dato sicuro ed allarmante soprattutto in questo periodo vicino alle festività natalizie, quando maggiore dovrebbe essere la sensibilità che ciascuno mostra nei confronti del prossimo, tutti ci dovremmo indignare.
Tutta la politica molisana si dovrebbe ribellare!”

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campobasso, la Regione rilancia sul Masterplan

Campobasso, la città che sotto gli occhi attoniti dei cittadini che hanno avuto conoscenza della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*