Home / Politica / “Grave che un socialista approvi la riforma di Renzi. Nencini, tra l’altro, è pure sospeso”

“Grave che un socialista approvi la riforma di Renzi. Nencini, tra l’altro, è pure sospeso”

“I socialisti molisani stigmatizzano il comportamento e la posizione di dirigenti locali e nazionali del Partito sul Referendum renziano. Infatti un Segretario nazionale ed uno regionale, dichiarati sospesi dal Tribunale di Roma , per irregolarità nello svolgimento dell’ultimo Congresso, e quindi non abilitati a esternare su posizioni tanto delicate, dichiarano la loro adesione alla Riforma di Renzi, pur consapevoli che la stragrande parte dei socialisti molisani ed italiani Voterà NO al Referendum”. Lo sostiene il presidente del Comitato Socialista per il No, Francesco Bonomolo dopo l’intervento a Campobasso di Riccardo Nencini, segretario del Psi,  sospeso dalla terza sezione civile del Tribunale di Roma a seguito di un ricorso presentato. “I socialisti non possono consentire lo scippo della sovranità popolare con Senatori e Deputati non eletti dagli elettori ma nominati dagli oligarchi di Partito di turno, che si  attacchino le conquiste dei lavoratori vanificando decenni di lotte ed annullando, con il Jobs Act,  lo Statuto dei Lavoratori, successo del Ministro socialista Brodolini, non possono accettare la acquiescenza alle banche ed alla finanza , principali responsabili della crisi che colpisce l’Italia. Renzi rappresenta un politica esattamente opposta da quella propugnata da sempre dai socialisti che voteranno in massa NO. Passare da Pertini a Verdini da Nenni a Boschi ,Da Lombardi a Renzi non è proprio digeribile. I socialisti molisani annunciano una manifestazione sul tema a fine mese”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campobasso, la Regione rilancia sul Masterplan

Campobasso, la città che sotto gli occhi attoniti dei cittadini che hanno avuto conoscenza della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*