Home / Economia / Gli impianti di risalita di Campitello Matese alla Dga Funivie srl

Gli impianti di risalita di Campitello Matese alla Dga Funivie srl

Inverno alla porte e stagione sciistica da inventare a Campitello.  Meglio non lasciarsi cogliere  impreparati, dovesse capitare che si annunci e si realizzi un inverno carico  di … neve. Nel qual caso, gli impianti di risalita diventano essenziali. Su queste valutazioni supponiamo si sono mossi gli uffici regionali che hanno seguito e sviluppato e determinato l’aggiudicazione del sub-affitto della Funivie del Molise spa, in favore della ditta Dga Funivie srl –  sede in San Massimo, località Campitello Matese -, con il punteggio di 100, corrispondente al canone offerto di  60.600 euro, oltre il pagamento dell’Imposta del valore aggiunto (Iva). In questa occasione, diamo la prova di una insolita straordinaria, oltre che sconosciuta, solerzia: la giunta regionale il 9 agosto scorso ha incaricato la Centrale unica di committenza di espletare una procedura aperta per l’individuazione di un privato imprenditore disposto a gestire, in sub-affitto, per tre anni, il complesso aziendale conosciuto come Funivie del Molise Spa. Dal 9 agosto bisogna arrivare al 10 ottobre per registrare la presentazione di un unico plico, quello, appunto della Dga Funivie srl, e al 12 ottobre ,per avere la composizione della commissione interna alla Regione, incaricata della gara. Cose mai viste, cose dell’altro mondo, nello stesso giorno, la commissione ha proposto l’aggiudicazione in favore dell’unica ditta partecipante alla gara, la Dga Funivie srl per aver “presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa”. Mettiamo punto. Per domandare come sia stato possibile giudicare l’offerta “più vantaggiosa” quella unica della Dga, in assenza di un’altra,  o altre, offerte comparative?  Arcani regionali, anzi della Centrale unica di committenza. Per la quale, ribadiamo, l’offerta di 60.600 euro quale canone annuo per gestire gli impianti di risalita a Campitello, risulta essere la più vantaggiosa. Superato l’impasse, eccone un altro. Leggiamo infatti dalla determinazione del direttore della Centrale unica di committenza, Giocondo Vacca, di aver disposto – si prenda nota – il 13 ottobre, sulla scorta di quanto era risultato dalla procedura di gara, l’aggiudicazione in favore della Dga Funivie srl, subordinandola  alla verifica del possesso dei requisiti auto – dichiarati, e  alle condizioni stabilite nell’offerta agli atti, tutto ciò “unitamente ai verbali delle sedute della Commissione di gara”. Altro punto controverso. Ma se la commissione aggiudicatrice s’è riunita una volta sola, il 12 ottobre, come si può mai fare riferimento “ai verbali delle sedute della Commissione di gara”?  Problemi linguisti ed espressivi, o veri e propri marroni burocratici/amministrativi? Lasciano gli interrogativi a chi eventualmente se ne vorrà occupare.  A noi resta di ribadire la straordinaria (“stricto sensu”) rapidità con cui s’è proceduto all’aggiudicazione, per tre anni, a 60.600 euro all’anno, del sub-affitto dell’Azienda condotta da Funivie del Molise spa, in favore della ditta Dga Funivie srl con sede in San Massimo (CB), località Campitello Matese. Come? Il 10 ottobre la presentazione del  plico della Dga Funivie srl; il 12 ottobre la composizione della commissione interna; il 13 ottobre la determinazione dirigenziale 4961 di aggiudicazione: record. L’augurio è che la gara sia tranquilla e che la prossima stagione invernale, della sempre meno stazione sciistica nel cuore della montagna molisana, sia carica di neve e, soprattutto, di sciatori.     Dardo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Fanelli: “Fermiamo il governo del cambiamento…in peggio!”

“Uno scippo ai Comuni italiani, un pericoloso ritorno al passato sui vaccini, due schiaffi dolorosi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*