Home / Politica / Giunta a 9, si attende la mozione di sfiducia

Giunta a 9, si attende la mozione di sfiducia

di Giuseppe Saluppo

La politica è fatta di scelte. E’ fatta, soprattutto, di atti. I(l sindaco di Campobasso, Antonio Battista, ha ritenuto di dovere portare la Giunta da sei a sette e, poi, da sette a nove assessori. Una scelta politica. a questa decisione, non pochi i mal di pancia all’interno della stessa maggioranza. Il consigliere Bucci, dopo un’attenta analisi politica e amministrativa, ha ritenuto quell’atto di nomina insensato e lontano dalla situazione economica cittadina. Il consigliere Madonna aveva sollecitato il sindaco a considerare Coralbo come probabile assessore mentre spazio e visibilità erano stati chiesti da Maroncelli. Da sempre su posizioni critiche, il consigliere Ambrosio. Sul fronte delle opposizioni, da registrare la conferenza stampa dei quattro consiglieri Civici che hanno ‘sparato’ sulla cattiva gestione amministrativa della Giunta Battista in questi due anni e mezzo di attività. I grillini, al momento, tacciono salvo una sortita sul suo profilo facebook di Praitano. Come silenzio dalle parti di Pascale e Di Bartolomeo. Ora, però, si pone la questione politica. Se è vero che la Giunta comunale fino a questo momento non avrebbe rispettato il programma elettorale e prodotto nulla e che l’allargamento a 9 assessori è solo il solito passaggio per accontentare qualcuno la mozione di sfiducia è la logica risposta. Per portare all’attenzione dei cittadini il tema politico e le disfunzioni amministrative. Altrimenti, avremmo registrato i soliti triti e inutili ritornelli. Le solite chiacchiere. Il Consiglio comunale di Campobasso dovrebbe rispecchiare, invece, ben altro. Un altro respiro, una visione. E, allora, che la discussione sia alla luce del sole. Che ognuno dica la sua. E si faccia la conta. Per la chiarezza.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

A breve: pronto telefoniamo per conto del candidato…

di Massimo Dalla Torre Destra, Sinistra, Centro, questo è il dilemma che, in questi giorni, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*