Home / Lavoro / Gam i sindacati chiedono un incontro urgente

Gam i sindacati chiedono un incontro urgente

Sono i sindacati dei lavoratori ex Gam a chiedere un incontro urgente con la Regione per un esame di quanto registrato a Roma sui ritardi accumulati per l’avvio del progetto Amadori.  “Un incontro – scrivono – al fine di costruire un percorso utile ad attivare le procedure per ottenere un’ulteriore proroga di CIGS per i lavoratori. Il Ministero del Lavoro, nell’incontro tenutosi il 6 settembre presso il MISE, ci ha garantito che nulla osta a richiedere ulteriori 12 mesi di cassa integrazione per area di crisi complessa.  Posto che vi è la somma urgenza di richiedere al Governo ulteriori risorse per far fronte alla grande emergenza sociale per tutti i lavoratori dell’area di crisi che hanno terminato gli ammortizzatori sociali, riteniamo che occorre da subito verificare con l’ausilio dell’Inps di Campobasso, l’effettivo residuo di risorse assegnate per il 2016 e il 2017, per mettere in sicurezza i lavoratori della Gam con la CIGS per area di crisi complessa.  Ricordiamo infatti, che i lavoratori della Gam sono scorredati di ammortizzatori sociali e in assenza di rinnovo della cassa integrazione si troverebbero il 4 novembre in mezzo alla strada! I lavoratori della Gam hanno avuto grande senso di responsabilità e sacrificio che ha consentito con la sottoscrizione degli accordi presso il Mise, di far aggiudicare il Lotto 1 ad Agricola Vicentina – Gruppo Amadori -. Il sacrificio è stato fatto nella consapevolezza di garantire un futuro di rilancio alla filiera avicola e al territorio matesino. Così come sottoscritto negli accordi ministeriali occorre portare avanti il processo di rilancio dell’attività produttiva garantendo ai lavoratori percorsi di sostegno al reddito, misure di politica attiva e ricollocazione. Per questo siamo dell’avviso che si necessiti di un urgente incontro al fine di pianificare e garantire quanto sopra esposto”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Non facciamo del Molise un vuoto a perdere

di Giuseppe Saluppo Case senza famiglia, disabitate d’anime, nascite e cuori; non case, ma vuoti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*