Home / Lavoro / “Frattura assente anche per le pulizie”

“Frattura assente anche per le pulizie”

Gli addetti alle pulizie presso gli stabili della Regione Molise rischiano di perdere il posto di lavoro”: l’allarme delle Organizzazioni Sindacali UILTuCS Molise e FILCAMS Molise sembra, purtroppo, assumere concretezza.
Nonostante le segnalazioni dei giorni scorsi e le pubbliche denunce contro un Regione assente, ad oggi nessun provvedimento è stato adottate per impedire che la società La Splendor, che si occupa del servizio di pulimento presso gli stabili della Regione, suo malgrado attivi la procedura di licenziamento o di riduzione dell’orario di lavoro ai dipendenti, che equivale, nei fatti, per persone che già oggi, con orario pieno, percepiscono una retribuzione minima, ad una perdita del reddito sufficiente per vivere.
L’annunciata chiusura di alcuni plessi regionali, purtroppo, senza interventi a sostegno dell’occupazione, porterà la società ad attuare, quale extrema ratio, o il licenziamento di alcuni dipendenti o la riduzione dell’orario di lavoro e tale decisione verrà maturata a fronte dell’immobilismo degli uffici regionali che, dopo un unico timido intervento del servizio regionale preposto, e dopo tanti paroloni e promesse di intervento, non hanno fatto seguire alcuna azione concreta.
“Ancor più scandaloso del fatto di aver assunto decisioni che hanno ricadute occupazionali senza alcuna concertazione con le Organizzazioni Sindacali – sottolineano i Segretari Generali Guarracino e Capuano– è la successiva presa in giro, che si è concretata con una parvenza di interessamento degli uffici tecnici regionali che, però, non ha avuto alcun seguito, se non quello di temporeggiare ulteriormente in una situazione che andava affrontata, e non, come al solito, evitata. Far ricadere le problematiche sugli uffici tecnici, significa, infatti, non voler intervenire: i tecnici, infatti, senza un chiaro indirizzo politico, non posso assumere alcuna decisione utile a salvaguardare questi lavoratori, con l’unica conseguenza che queste persone si troveranno, dall’oggi al domani, in mezzo ad una strada.”
“E’ vergognoso che il Presidente della Regione – continuano Guarracino e Capuano – e l’Assessorato al Lavoro, o l’Assessore di riferimento (!!!), chiunque esso sia, non diano seguito alle richieste di intervento avanzate dalle parti sociali. Ormai l’unico modo per chiudere le vertenze sembra essere, per la Regione Molise, quello di mandare a casa altri lavoratori, altro che politiche attive del lavoro!”
Tra qualche giorno, inesorabilmente, arriveranno le lettere di licenziamento per i lavoratori delle pulizie, ma i sindacati fanno sapere di non essere disposti a subire anche questo sopruso e annunciano già da ora di essere pronti ad ogni iniziativa e mobilitazione unitamente ai lavoratori dinanzi alle sedi della Regione Molise in qualità di Istituzione e di committente, per tutelare i diritti e la dignità del lavoro.
“In ogni caso – continuano i Segretari Guarracino e Capuano – non possiamo evitare di porre alcune domande alla classe politica molisana.
Signori politici ma voi, ce l’avete una coscienza? E che vi dice quando sapete che ci sono persone che rischiano di perdere il lavoro e, nonostante ciò, non adottate alcun provvedimento?
Voi, ogni mese percepite uno stipendio pieno, abbondante e non decurtato ma pensate di meritarlo?
La UILTuCS Molise e la FILCAMS Molise propongono anche per voi politici un periodo di cassa integrazione con indennità pari a 300,00 euro al mese in modo che anche voi possiate provare sulla vostra pelle quello di cui si sta parlando!
Il Molise non si merita questo!”

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Infrastrutture, ora possiamo procedere. Sbloccati i fondi”

Infrastrutture, ora qualcosa sembra muoversi. E’ diventato operativo, infatti, il piano sviluppo e coesione 2014-2020, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*