Home / Politica / Frana la politica, frana il territorio

Frana la politica, frana il territorio

di Giuseppe Saluppo

Civitacampomarano è l’area delle transenne e dei puntelli che si infittiscono lungo la strada di collegamento e, ora, anche a ridosso del centro abitato.  Se non è emergenza questa! E’ da anni che si parla di quest’area ma di interventi veri, reali, non se ne sono visti. Nemmeno la tanto sospirata strada per potere avere accesso sulla Bifernina è stata mai completata. Senza parlare, poi, del tratto di strada verso Castelmauro. Il caso di Civitacampomarano è esemplare. Anche perchè segna l’abbandono delle aree interne, l’abbandono delle zone rurali a monte, l’assenza di una programmatica manutenzione del territorio. Un tempo, erano i contadini ad irriggimentare le acque piovane. Ora, in quelle terre, non c’è più nessuno. E la difficoltà di drenaggio e i cattivi sistemi di defluizione delle acque piovane completano l’opera distruttiva del tempo e della particolare natura. E’ l’intero Molise, però, a preoccupare se è vero, come è vero, che il 100% per cento dei comuni del Molise sono classificati a rischio idrogeologico.  La media nazionale è di circa 5 aree franose per 100 km quadrati, ma il Molise presenta 12 aree franose per 100 km quadrati.  Ci sono 8800 frane attive, con ben 88 comuni a rischio per l’instabilità dei versanti caratterizzati da una quasi totale natura argillosa con circa 3560 chilometri su un totale di 4618. Il Molise si posiziona al primo posto con una media di rischio per la popolazione residente pari al 19,4 per cento per frane e smottamenti. Capite? I molisani rischiano la pelle, e nessuno fiata, nessuno interviene, nessuno si sforza di fare quella prevenzione di cui tanto ci si riempie la bocca in campagna elettorale. Non attendiamo che accada qualcosa. Non attendiamo la solita  pioggia di commenti in lacrime. Tutti inutili, tutti sprecati, come il territorio di una regione che invece andrebbe messo in sicurezza e restituito alle sue funzioni vitali nell’interesse di un popolo oggi abbandonato.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Paradosso molisano: La Caserma col condominio

Disperatamente alla ricerca di una delibera di giunta regionale  che annunci il varo di un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*