Home / Politica / Fondi europei, il Molise retrocede ma prenderà più soldi

Fondi europei, il Molise retrocede ma prenderà più soldi

E’ apparso ieri, 26 settembre, la notizia su Il Sole24 Ore che per il prossimo bilancio a lungo termine dell’Unione europea porta due notizie, una buona e una cattiva, per quattro regioni italiane. Quella cattiva è che nella classifica delle 300 regioni europee per Pil procapite a parità di potere d’acquisto, retrocedono a tal punto da scendere sotto le soglie che separano le regioni più sviluppate da quelle in transizione e meno sviluppate. Sardegna e Molise passano dallo status di regioni “in transizione” a quello di “meno sviluppate”, raggiungendo Campania, Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia. Marche e Umbria invece retrocedono dal club delle regioni più ricche a quello meno prestigioso delle regioni “in transizione” dove saranno insieme all’Abruzzo.   Questo dato andrà ad influenzare la dote finanziaria che il Molise, insieme alle altre regioni che hanno ottenuto performance negative, riceverà per il settennio 2021-2027. Se c’è da vedere un dato positivo è che si avrà un aumento molto consistente di risorse europee: l’obiettivo è ridurre le disparità e riavvicinarle alla media Ue. Secondo le prime stime, alla regione Molise, potrebbero arrivare qualcosa come un miliardo di euro in più. Vale a dire poco meno del doppio riservato alla regione nel settennio 2014-2020. Qualora fosse confermata questa prima stima, il peso in termini economici per la programmazione regionale avrebbe, di sicuro, un passo in più.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Di Lucente: “Sul Corecom montata una storia surreale”

“La vicenda delle nomine al Co.re.com sta sfuggendo di mano. Gli attacchi e la campagna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*