Home / Territorio / Ferrazzano paese di origine di Robert De Niro entra a far parte delle “Città dell’Olio”

Ferrazzano paese di origine di Robert De Niro entra a far parte delle “Città dell’Olio”

Sale a quota 26 il numero delle città molisane che hanno aderito all’associazione che si occupa di valorizzazione della cultura dell’olio. Soddisfazione del presidente Enrico Lupi, del coordinatore regionale Antonio Sorbo e del sindaco Antonio Cerio. Il paese di origine di Robert De Niro entra nelle “Città dell’olio”. Infatti il Comune di Ferrazzano, da cui partirono i bisnonni paterni del famoso attore americano alla fine del XIX secolo, per emigrare negli Stati Uniti, ha deliberato l’adesione all’ANCO con deliberazione del 25 novembre scorso. Ferrazzano si trova in provincia di Campobasso, in Molise, regione in cui proprio in questi giorni nel 1994 nasceva a Larino l’Associazione “Città dell’Olio”. E’ uno dei pochi comuni molisani che negli ultimi 30 anni ha fatto registrare un notevole incremento demografico passando dai 1.629 abitanti del 1981 agli attuali circa 3.400 residenti. Uno dei motivi di questa crescita è sicuramente la sua vicinanza al capoluogo di regione, Campobasso, comune con il quale Ferrazzano confina. Il suggestivo centro storico, arroccato su una collina a 872 metri sul livello del mare, domina la valle del Tappino. Il paese ha una storia molto antica, secondo alcuni studiosi risalente addirittura all’epoca osco-sannita. Si tratterebbe dell’antica città sannita di Ferentinum, espugnata dai Romani nel 296 a.C.. Di pregio l’antica chiesa dedicata all’Assunta, di cui vi sarebbero tracce a partire dal 1005, e il castello di cui si anno notizie fin dal 1131 e che fu magistralmente restaurato da Geronimo Carafa nel XV secolo. Ma questo centro molisano è famoso soprattutto per aver dato le origini a Robert De Niro che proprio di recente, facendo una battuta in seguito all’esito delle elezioni presidenziali negli USA, aveva dichiarato la sua volontà di lasciare l’America per tornare proprio a Ferrazzano. Il suo territorio collinare presenta numerosi siti olivetati da cui si produce un olio di ottima qualità. “A nome mio personale, dell’intera associazione e del coordinamento molisano, ringrazio il sindaco Antonio Cerio e la sua amministrazione – dichiara il coordinatore regionale del Molise dell’ANCO e vicepresidente nazionale, Antonio Sorbo, sindaco di Venafro – per aver scelto di aderire alla nostra associazione e di essere entrati nella nostra squadra. Sono sicuro, conoscendo la passione e la serietà con cui il primo cittadino e i suoi collaboratori svolgono il loro lavoro quotidiano – aggiunge Sorbo – che daranno un contributo importante alla nostra associazione”. Il Comune di Ferrazzano si aggiunge agli altri 25 soci molisani che aderiscono attualmente all’ANCO per un totale di 26. Ma, come annuncia il coordinatore regionale Sorbo, sono in vista altre importanti adesioni nelle prossime settimane. “L’obiettivo è quello di arrivare a quota trenta nel 2017 e per questo stiamo lavorando con l’intero coordinamento e il consigliere nazionale Angelo Sbrocca”.  “Il Molise è la regione che ha dato i natali alla nostra Associazione – ha commentato il presidente delle Città dell’Olio Enrico Lupi – siamo legati affettivamente a questo territorio che è uno dei motori della nostra rete delle Città dell’Olio. Una realtà che grazie soprattutto all’impegno dei coordinatori regionali e degli amministratori locali sta diventando sempre più grande e forte”. “L’adesione all’ANCO – ha dichiarato il sindaco di Ferrazzano, Antonio Cerio – è stata decisa con convinzione e con l’obiettivo di cogliere le importanti opportunità che l’associazione offre sotto molteplici aspetti”. A breve ci sarà la consegna della bandiera alla presenza dei vertici nazionali dell’associazione che anche in Molise nei mesi scorsi ha sottoscritto un protocollo d’intesa e di collaborazione con la Regione.

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

Bandi periferie, un Consiglio nullo

Un Consiglio comunale a Campobasso senza un sussulto. Convocato sulla questione del Bando per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*