Home / Campobasso / Esce Pasquale Colarusso ed entra Federico Sarli

Esce Pasquale Colarusso ed entra Federico Sarli

 

 

Il 27 ottobre,  in prima convocazione; il 31, se necessario, in seconda. Tornano in aula consiliare gli amministratori comunali con il loro carico di interrogazioni, interpellanze, ordini del giorno e mozioni, come di prammatica. E il solito striminzito, oltre che di scarsa incidenza, elenco di argomenti su cui deliberare: Surrogazione del consigliere Coralbo in seno alla settima commissione consiliare permanente all’Urbanistica; Integrazione dell’articolo 1 dello statuto comunale per affermare la contrarietà di Campobasso a tutte le forme di dipendenza patologica, e la istituzionalizzazione  della rievocazione storica della pace tra i Crociati e i Trinitari. Chiunque, estraneo alla realtà campobassana, che leggesse questo ordine del giorno del consiglio comunale del capoluogo del Molise, sarebbe indotto a pensare di essere nella città di Bengodi, avulsa da problemi contingenti o strutturali, e per questo alle prese provvedimenti di prevalentemente culturali. A saperla, invece, la realtà! Comunque, con tutti i suoi limiti argomentativi, sarà un consiglio con qualche spunto politico, su cui non potrebbe essere estranea anche la polemica. Nel caso, la offrirebbero due surrogazioni: quella del consigliere Pasquale Colarusso,  che per un qui-pro-quo nel corso della sindacatura di Gino di Bartolomeo ha incassato compensi oltre il dovuto e per questo chiamato a restituire il di più e, di conseguenza, a dimettersi (lo sostituisce Federico Sarli); e la surrogazione di Michele Coralbo, ingegnere, da membro della commissione consiliare permanente all’Urbanistica (probabilmente per evitare conflitti d’intereresse o per contrarietà al modo con cui quella commissione procede). Nell’un caso e nell’altro, la componente politica (diretta o di riflesso) è presente e, come tale, facilmente manipolabile in un confronto dialettico pro o contro le motivazioni che quelle surrogazioni hanno generato. L’ingresso di Sarli ricompone il gruppo dei Popolari per l’Italia che Colarusso aveva politicamente svilito, associandosi ad Elio Madonna, e che Sabino Iafigliola aveva abbandonato per “incomunicabilità” per poi trasferirsi al gruppo misto. Colarusso è out; Iafigliola potrebbe motivarsi a tornare, per riprendere il dialogo dal gruppo originario, con gli  altri gruppi. Sono queste vicende politico/personali, quando accadono, a rendere meno insipide le giornate comunali e le sedute consiliari. Perché, diversamente, bisogna andare col periscopio a cercate nelle interrogazioni, nelle interpellanze, negli ordini del giorno e nelle mozioni un argomento che abbia un contenuto su cui soffermarsi. E col periscopio, tra le interrogazioni, vanno segnalate quelle del consigliere Cretella, che denuncia al presenza di eternit ai capannoni di Cacciapesce, e di Praitano, che intende indagare sul contratto di gestione del riscaldamento degli edifici comunali e sulla fornitura di energia (argomento di rilevante attualità in rapporto alle norme che regolano il consumo energetico negli edifici pubblici) . Tra le interpellanze  spicca quella a firma di Gravina che, se posta nei giusti termini, con le giuste osservazioni, e i giusti rilievi, offre al consiglio l’occasione per porsi di fronte alla più irriverente turlupinatura della Regione Molise nei confronti della città:  la sede regionale sul sedime dell’ex albergo Roxy e su parte del terreno dell’ex campo sportivo Romagnoli. Il perdurare del silenzio dell’amministrazione comunale,  titolare della gestione del territorio, equivarrebbe a una dichiarazione di sottomissione e di vassallaggio verso la Regione, e di disinteresse per le sorti della città , della sua funzione di centro direzionale e del suo sviluppo socio/economico. Tra gli ordini del giorno si fa notare l’iniziativa dei consiglieri di minoranza Pilone e Cancellario che, superando le questioni locali, pone il problema dei lavoratori e dello Zuccherificio di Guglionesi. Non di meno di spessore urbanistico ed edilizio è la mozione dei consiglieri Praitano, Felice e Gravina sulla contorta e vessata questione relativa alla proposta di demolizione dell’ex Cinema Ariston e al suo posto la costruzione di abitazioni. Un modo come un altro, se vorranno i tre consiglieri, per srotolare la matassa che lega gli obbrobri e le contraddizioni con cui si concedono e si negano le autorizzazioni a costruire.

 

 

 

Dardo

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale dell’Asrem

Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*