Home / Territorio / ‘Donacibo’: fino al 25 marzo l’iniziativa nelle scuole del Basso Molise per aiutare le famiglie bisognose

‘Donacibo’: fino al 25 marzo l’iniziativa nelle scuole del Basso Molise per aiutare le famiglie bisognose

TERMOLI. Dal 20 al 25 marzo in circa 30 plessi scolastici del Basso Molise 5000 ragazzi e bambini saranno coinvolti nella undicesima edizione del Donacibo. Si tratta di un’iniziativa promossa a livello nazionale dalla Federazione Nazionale Banchi di
Solidarietà nel periodo della Quaresima, che consiste nell’invito rivolto agli studenti e agli insegnanti delle scuole materne, elementari, medie e superiori di portare nelle scuole, durante questa settimana, generi alimentari non deperibili. I prodotti donati, opportunamente depositati in uno spazio dedicato alla raccolta all’interno della scuola, saranno poi ritirati dai volontari del Centro di Solidarietà per essere destinati a famiglie bisognose della zona. Nel Basso Molise l’iniziativa è coordinata dal Centro di Solidarietà Di Termoli, associazione di volontariato che grazie all’impegno di oltre 40 volontari assiste mensilmente circa 90 famiglie nella zona di Termoli, Guglionesi, Campomarino, Portocannone, Larino e Casacalenda, mediante la fornitura gratuita a domicilio di prodotti alimentari. Oltre alla finalità solidaristica, tale iniziativa è una grande occasione educativa: attraverso il gesto concreto del donare con libertà si può educare la persona alla responsabilità verso sé stessi e verso gli altri, cominciando a ridare il giusto valore anche alle cose. Quest’anno aderiscono le scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di I grado dei comuni di San Giacomo degli Schiavoni, Petacciato, Campomarino, Castelmauro, Montecilfone, Montenero di
Bisaccia e i seguenti istituti scolastici di Termoli: infanzia e primaria del II e III circolo, Scuola Primaria Paritaria “N.M. Campolieti”, scuola dell’infanzia “Madonna delle Grazie via Montecarlo”, Scuola Media “Bernacchia-Brigida”.

Di Virginia Romano

Potrebbe Interessarti

Sea: “Con l’acquisto della sede risparmiamo e l’immobile resterà al Comune”

In merito alla questione dell’acquisto di un nuovo immobile per ospitare la nuova sede per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*