Home / Politica / Del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici s’è persa la Murgolo?

Del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici s’è persa la Murgolo?

Esaminando la determinazione assunta dalla direttrice del Primo dipartimento della Regione Molise, Mariolga Mogavero, per liquidare 26.323,60 euro a titolo di compenso per i mesi di agosto e settembre 2016  in favore delle componenti del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici, è balzata evidente la mancata corrispondenza tra la premessa e il dispositivo. Se non avessimo notato la discrasia, non ci saremmo occupati di dare risalto ai 13.333,20 euro di compenso a Marilina Di Domenico, che del Nucleo è direttore, né ai 7.550 euro a Valentina Tagliaferri che del Nucleo è componente, perché ormai abbiamo fatto il callo alle cifre a più zeri in favore dei collaboratori e dei consulenti alla corte del governo regionale per funzioni di cui, peraltro, non si conoscono i termini e le responsabilità. Per inciso, ricordiamo che al già presidente della giunta regionale di centrodestra, Michele Iorio, è stata imputata, facendogliela pagare cara sul piano elettorale, la colpa di essere stato un dispensatore di risorse pubbliche in collaborazioni e consulenze a go-go che, però, poste a paragone delle consulenze e delle collaborazioni assegnate a go-go dalla giunta di centrosinistra presieduta da Paolo di Laura Frattura, si rivelano una bazzecola. Eppure, non c’è forza politica che lo metta in risalto e ne faccia un motivo di denuncia alla pubblica opinione, che sull’onda delle strumentali e scarsamente vere contestazioni, nel 2013 ha deciso di “punire” Iorio e di “premiare” Frattura.  Ma non è questo il punto. E’ che nelle premesse della determinazione della Mogavero è detto e specificato che il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici è formato da Marilina Di Domenico (direttore), da  Valentina Tagliaferri e da Lucia Murgolo (componenti); che l’incarico è per 36 mesi, eventualmente rinnovabili; che il trattamento economico complessivo previsto per l’incarico di direttore  è di 80.000 euro annui lordi e che per quello di componente è  di 45.000 euro annui lordi. Fatta questa premessa, e descrizione, nella determinazione viene richiamata la necessità di disporre in favore del Nucleo l’importo lordo di 26.323,60 euro, comprensivo di tutti gli oneri riflessi e l’Irap, per la liquidazione e il pagamento dei compensi di agosto e settembre 2016, imputando l’onere sul capitolo 12545 dell’esercizio 2016, giusto impegno 590 del 17 marzo 2016. Quindi, dato per inoppugnabile che il Nucleo è composto dalla Di Domenico, dalla Tagliaferri  e dalla Murgolo, non si capisce perché ad essere pagate per i mesi di agosto e settembre siano state solo la Di Domenico e la Tagliaferri e non anche la Murgolo, della quale, nell’atto di cui stiamo dicendo, non c’è traccia e/o riferimento. E’ stata destituita? Ha dato le dimissioni? Nei mesi di agosto e settembre ha fatto flanella? Non condivide l’operato delle colleghe? Mistero. Sta di fatto che nella determinazione 72 del 20 ottobre 2016, Mariolga Mogavero determina  di liquidare “il pagamento in favore dei componenti del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici”, ma solo alla Di Domenico e alla Tagliaferri. Della Murgolo non fa menzione. Sebbene gli amministratori regionali e i vertici burocratici si ritengano intoccabili e onnipotenti,  per la legge sulla trasparenza e l’anticorruzione, in una Regione normale, avrebbero dato conto del perché, liquidando i compensi dei mesi di agosto e settembre ai componenti il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici, due componenti le pagano e la terza no.

 

 

 

 

 

Dardo

 

 

Di Dardo

Potrebbe Interessarti

In scena la demagogia politica e il tentativo di rifarsi una verginità

Consiglio comunale con un solo argomento/tema all’ordine del giorno è in programma il 21 settembre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*