Home / Politica / “Degenze infermieristiche, siamo preoccupati”

“Degenze infermieristiche, siamo preoccupati”

L’AAROI-EMAC – Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani Emergenza Area Critica – Sezione Regionale del Molise nell’apprendere dai media dell’imminente attivazione – il 20 e 21 dicembre – presso i presidi di Venafro e Larino delle U.D.I. – Unità di Degenza  Infermieristica -, in attesa di essere messa nelle condizioni di esaminare i relativi atti formali con i quali sono state istituite le suddette Unità, esprime in una nota “un deciso dissenso rispetto alla notizia così come è stata diffusa”.   “Non essendo ad oggi, infatti, resi noti i protocolli e percorsi assistenziali – rimarca David Di Lello Presidente AAROI-EMAC Molise –  coi quali si intenderà gestire i pazienti che ivi saranno degenti, vi è il forte timore che potrà verificarsi una confusione di ruoli tra personale medico ed infermieristico.  Si ricorda, a tal proposito, come competa solamente al medico la gestione terapeutica e clinica del paziente, mentre all’infermiere quella assistenziale”.  Per Di Lello “vi è, dunque, il timore di una “traslazione delle responsabilità, non consentita dall’ordinamento” e già sottolineata dal TAR Umbria con sentenza 764/2016 avverso una analoga istituzione delle U.D.I.”.  Ma non solo il presidente Aaroi precisa come “se poi la notizia dell’attivazione delle Unità di Degenza Infermieristica viene analizzata parallelamente a quanto trapela circa la soppressione di numerose Unità Operative Complesse mediche presso gli ospedali di Isernia e Termoli, tra cui quelle di Anestesia e Rianimazione, ancora più forte è la preoccupazione dell’AAROI-EMAC Molise sulla funzionalità di ciò che resterà della Sanità pubblica nella regione”.
L’AAROI-EMAC, dunque, chiede “un doveroso e immediato formale confronto istituzionale che non solo chiarisca e dirima tutti i dubbi innanzi illustrati, ma volto ad esaminare ogni aspetto dell’ Atto Aziendale che l’ASREM pare si accinge ad adottare”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Infrastrutture, ora possiamo procedere. Sbloccati i fondi”

Infrastrutture, ora qualcosa sembra muoversi. E’ diventato operativo, infatti, il piano sviluppo e coesione 2014-2020, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*