Home / Politica / Dal dorso d’asino al ritorno sull’asino

Dal dorso d’asino al ritorno sull’asino

di Giuseppe Saluppo

La strada è un elemento che contribuisce ad enfatizzare o a mortificare il territorio. Il caso, ultimo, di Salcito né è un esempio. Mortificazione di un territorio e dei suoi abitanti e dei suoi produttori e dei suoi servizi. Purtroppo, non è il solo. Dopo “cadute eccellenti” e segnalazioni quotidiane di cittadini esasperati e a rischio sicurezza, bisognerà attendere l’intervento di somma urgenza. Non una strategia complessiva e mirata? Da anni senza manutenzione, le strade molisane sono diventate un colabrodo, con smottamenti vari e barriere divelte. Siamo tornati al secondo dopoguerra dopo il passaggio di blindati e bombe. Se, ancora, andiamo a scomodare la storia, l’assurdità poi è che una delle nostre tradizioni culturali deriva dal sistema viario romano, inteso non solo come assi di collegamento tra le province dell’Impero, ma soprattutto come composizione del fondo diversificato a seconda delle funzioni: pedonale, veicolare leggero, veicolare pesante. In sezione si contavano almeno cinque strati che culminavano con il summum dorsum o pavimentum, quasi sempre a schiena d’asino, da cui il termine dorsum, per evitare la stagnazione di pericolose e scivolose pozze d’acqua. Imperatori come Nerva e Domiziano ne fecero il loro programma elettorale e la loro fortuna politica. Pare però che questa scienza del costruire sia andata perduta tant’è che buche, dissesti, lacerazioni del manto nelle nostre vie, oltre che creare un senso di degrado e sciatteria, siano diventate un serio pericolo. Dal costruire a dorso d’asino a tornare a camminare sull’asino.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale dell’Asrem

Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale …

Un Commento

  1. Pierangelo Mattioli

    Strade colabrodo è un eufemismo. Strade da quarto mondo, piuttosto (come i marciapiedi). Un’inconcludenza così non si è mai vista. Poi dobbiamo parlare anche di autonomia regionale e c’è qualcuno che si offende pure quando qualcuno la mette in discussione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*