Home / Politica / Il consigliere Pilone e il bilancio: troppe distonie

Il consigliere Pilone e il bilancio: troppe distonie

Il Consiglio comunale di Campobasso, ha approvato il Conto Consuntivo. Un momento, che avrebbe dovuto portare i consiglieri comunali ad effettuare una sintesi amministrativa e programmatica dell’attività della Giunta. I numeri parlano, sotto questi aspetti. Al contrario, ben poca farina è uscita dal setaccio. Il consigliere comunale di opposizione del Polo civico, Francesco Pilone, ha inteso mettere su carta le proprie deduzioni. Ci consenta, però, l’esponente politico del gruppo Civico. Non è possibile, politicamente parlando, che ha ricalcato pedissequamente quello che farebbe un contabile. Il Comune non avrebbe incassato bene per l’impiantistica sportiva per le mense, per gli asili nido. Così, non avrebbe fatto il suo dovere, fino in fondo, nell’incamerare le multe. E via dicendo. Ma è mai possibile che l’amministrazione comunale si pesi su numeri che, per alcune voci come lo sport o la prima infanzia, dovrebbero avere altra attenzione dall’amministrazione prima di pensare ad incassare? Lo sa il consigliere Pilone cosa significa per una società sportiva dovere pagare anche il fitto dell’impianto? O le famiglie, con redditi sempre più risicati, vedersi aumentate le tariffe di asili e mense? Questa amministrazione comunale ha fallito non già per i conti (c’è il Collegio dei Revisori a tale scopo) ma ha fallito programmaticamente. Perché, proprio in quelle voci che il consigliere Pilone chiama in causa la Giunta comunale, non c’è stato straccio di programmazione nell’attuazione di una politica per il sociale degna di questo nome attraverso l’Istituzione dei servizi comunali e sportivi. Un’amministrazione comunale non si misura se è capace di incamerare soldi dai cittadini, anche se corretto sul piano finanziario, ma sulla capacità di programmare sul territorio. E il Consuntivo approvato mostra evidenti falle.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Passa la colata di cemento. Si sfilano 9 consiglieri di maggioranza. Battista che farà?

Ma esiste, ancora, una maggioranza che sostiene il sindaco di Campobasso, Antonio Battista? Sull’accordo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*