Home / Territorio / Con il Gruppo d’azione locale “Alto Molise” il territorio diventa protagonista di un nuovo Sviluppo condiviso
italoarg

Con il Gruppo d’azione locale “Alto Molise” il territorio diventa protagonista di un nuovo Sviluppo condiviso

Battere il ferro quando è caldo: saggezza artigianale fatta propria e applicata dai promotori del Gruppo d’azione locale (Gal) “Alto Molise” che, infatti, sull’abbrivio delle conclusioni dell’assemblea tenuta sabato mattina 8 ottobre 2016 al Teatro Italo Argentino di Agnone, in cui sindaci e amministratori, imprenditori e rappresentanti delle attività produttive, delle associazioni e delle Pro loco dell’area si sono confrontati per fissare le basi che consentiranno di partecipare al Bando attuativo per la selezione dei Piani di Sviluppo Locale della Regione Molise entro il 20 ottobre 2016, si sono dati appuntamento  a Capracotta  il 13 ottobre nella sede del Giardino della flora appenninica di per parlare di turismo sostenibile; venerdì 14 ottobre nella sede della riserva Mab Unesco di Montedimezzo per discutere di ambiente e biodiversità, e sabato 15 ottobre nel Palazzo Ducale di Poggio Sannita per approfondire l’argomento delle filiere dell’agroalimentare e dell’artigianato. Dalle parole ai fatti. In successione rapida, come suggerisce la scadenza del Bando regionale e come si conviene a un Gal che vuole essere protagonista nella valorizzazione del territorio di riferimento con iniziative largamente condivise. Ne abbiamo parlato (bene) in sede di presentazione dell’assemblea; ne parliamo (bene) a conclusione perché sono evidenti e riconoscibili caratteri di una iniziativa e di una volontà particolarmente coese.  Dall’Alto Molise (territorio omogeneo e storicamente vocato all’agroalimentare,  all’esaltazione delle qualità ambientali e del turismo) un messaggio di saggezza amministrativa e organizzativa. Chissà mai che non produca emulazione.  Il Gal Alto Molise, in una prima fase, è già risultato primo nella graduatoria del bando relativo alla sottomisura 19.1 del Programma di sviluppo rurale

(Psr) Molise 2014 – 2020 (Sostegno alle Sviluppo locale Leadere), ma per essere selezionato dalla Regione tra gli altri Gal partecipanti ora dovrà presentare la nuova candidatura. Tempestività e coerenza.

L’11 ottobre a Castel di Sangro sarà costituita formalmente la società consortile. I commenti di maggiore rilievo a conclusione dell’assemblea al Teatro Argentino di Agnone: Angelo Belliggiano, professore dell’Unimol e componente dello staff tecnico del Gal: “Il momento partecipativo è fondamentale per candidarsi alla seconda fase.

Il Gal è lo strumento per creare le condizioni affinché le imprese possano immaginare nuove strategie per il territorio»;  Marco Giordano, Presidente del consorzio Assomab, ente promotore del Gal Alto Molise: «Se non c’è rete non c’è sviluppo, stiamo costruendo insieme, con un processo partecipativo dal basso, le linee del Piano di Sviluppo Locale»; Luca Di Domenico, referente dell’associazione Borghi Autentici d’Italia: «L’invito è di promuovere questa iniziativa e di continuare ad invitare la gente a partecipare, far capire che può essere davvero un’opportunità di cambiamento»; Lino Gentile, sindaco di Castel del Giudice: da lui i vari passaggi da compiere per presentare la candidatura e la scelta dell’edificio dell’ex Comunità montana di Agnone quale sede del Gal Alto Molise, in largo Tirone.

Dulcis in fundo: il consiglio d’amministrazione sarà formato per almeno il 51 per cento da privati, il 25 da donne e il 35 da persone al di sotto dei 40 anni a titolo gratuito.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Guardia medica turistica a Montenero di Bisaccia

Il Direttore del Distretto Sanitario di Termoli, Giovanni Giorgetta, ha comunicato al sindaco Nicola Travaglini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*