Home / Politica / Il comitato scuole sicure per Isernia non si ferma

Il comitato scuole sicure per Isernia non si ferma

Si è riunito il Comitato Scuole Sicure per Isernia per decidere ulteriori nuove iniziative da promuovere per far sentire la propria voce. Preliminarmente è stata espressa totale solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma che dal 24 agosto scorso non lascia loro tregua, costringendole a subire ancora, come accaduto oggi, situazioni di forte stress in condizioni sempre più precarie. È stato anche stigmatizzato il grave atteggiamento di chiusura al doveroso dialogo fino ad oggi incomprensibilmente tenuto dal Presidente della Provincia, a fronte delle fondate preoccupazioni fatte presenti con la richiesta di incontro del 13 dicembre.  Nel merito delle iniziative da intraprendere, esaminate tutte le proposte, è stato deciso di chiedere al Prefetto le risultanze delle relazioni sulle scuole di Isernia da questi richieste al Sindaco D’Apollonio e al Presidente della Provincia Coia in occasione della loro convocazione in Prefettura del 19 dicembre scorso. Sulla base di tali risultanze, o in mancanza di esse, verrà valutata l’opportunità di interessare i media nazionali al fine di richiamare tutta l’attenzione possibile sul tema della sicurezza delle scuole di Isernia. Verrà inoltre valutata, ove se ne i ravvisassero presupposti, la possibilità di ricorrere in tutte le sedi competenti, anche penali, perché siano tutelati i diritti degli studenti di Isernia di ogni ordine e grado, oltre che del personale che lavora nelle scuole. È stato infine ricordato che, in nome della prevenzione,occorre attuare ogni sforzo per sollecitare le Istituzioniaffinché si attivino concretamente per tutelare, secondo le precise loro competenze e senza margini di incertezza,la popolazione più giovane che adempie all’obbligo scolastico sancito per legge.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Senza politica si può vivere?

di Massimo Dalla Torre   Abbiamo voluto aprire quest’ articolo, senza senso, con un interrogativo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*