Home / Territorio / Castelpetroso, l’anniversario della prima pietra della Basilica

Castelpetroso, l’anniversario della prima pietra della Basilica

Ricorre ogni anno, il 28 settembre, l’anniversario per l’edificazione (posa della prima pietra) della Basilica dell’Addolorata di Castelpetroso, Patrona del Molise.  Il 28 settembre è la data che ricorda la posa della prima pietra per ’edificazione del Santuario ad opera del Vescovo Francesco Macarone Palmieri nel 1890, eretto a Basilica minore a settembre  del 2013. Giunto al 127esimo anniversario, numerose sono le iniziative in programma in onore della Beata Vergine   Maria Addolorata, Patrona del Molise. Nella settimana che precede la festa, dal 17 al 22 settembre, si è svolto il settenario con SS. Rosario e Santa messa animati da varie comunità di devoti della Vergine Addolorata. Mentre alla vigilia, sabato 23 settembre, come tradizione vuole, alle ore 17.00 Santa Messa solenne  e offerta  dell’olio per la lampada votiva che arde ai piedi della Vergine Addolorata, quest’anno donato dalla comunità di Castello del Matese (CE).  Accolti dal rettore della Basilica minore don Massimo Muccillo, dopo la santa messa, i pellegrini partecipano alla fiaccolata – alle ore 18.30 –    da Guasto di Castelpetroso (IS) verso il luogo delle apparizioni, sul Monte Patalecchia. Domenica 24 settembre 2017 alle ore 11,30 Solenne Pontificale  presieduto dall’arcivescovo Metropolita di Campobasso –Bojano, S.E. mons.GianCarlo Bregantini alla presenza di fedeli, pellegrini e devoti, autorità civili e militari.

Nel pomeriggio, alle ore 16:00 via Matris e alle ore 17:00 Solenne Celebrazione Eucaristica  presieduta dal neo eletto vescovo di Trivento, S.E. mons. Caludio Palumbo.

Cenni storici.  Data l’asperità del luogo, non facilmente accessibile, nel settembre 1888 si decise di costruire il Santuario verso la base del monte; la prima pietra fu posta il 28 settembre  1890 alla presenza di circa trentamila fedeli, in un’atmosfera di fede e di gioia. Il Santuario dell’Addolorata fu costruito  grazie alle offerte dei fedeli. Il grande impegno architettonico dell’opera, la povertà della zona e della diocesi fece sì che per la costruzione si alternarono tempi di intenso lavoro. Il santuario fu infatti finito e consacrato il 21 settembre 1975.  Sul luogo delle apparizioni, invece nel 1948 fu eretta una cappella in pietra.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

L’Unimol in prima linea per la campagna di scavi

E’ terminata da pochi giorni una nuova campagna di scavi e ricerche nella Grotta di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*