Home / Territorio / Castellelce, la Regione sblocca i fondi ma la Provincia dice di non potere attuare la gara

Castellelce, la Regione sblocca i fondi ma la Provincia dice di non potere attuare la gara

La Regione Molise riesce a sbloccare i 25 milioni di euro per la realizzazione della strada Castellelce, affida l’attuazione alla Provincia di Campobasso ma questa, due mesi dopo la delibera di Giunta regionale del 13 luglio, comunica che non è nelle condizioni di dare attuazione al deliberato. Una storia tipicamente molisana che rischia di incappare nella tagliola dei termini per la scadenza circa l’utilizzo dei fondi a pena di revoca. In cantiere, infatti, l’opera dovrà andare entro il 31 dicembre del prossimo anno. Solo che ad oggi, con la decisione della Provincia di Campobasso di non potere procedere all’attuazione della gara d’appalto, toccherà alla Regione stessa procedere attraverso un bando di gara europeo. Significa, perdere ulteriore tempo. Perché, però, la Provincia di Campobasso ha impiegato due mesi prima di dare una risposta alla Regione? Perché non è nelle condizioni di portare avanti la fase dell’appalto che avrebbe significato, anche, un non trascurabile guadagno di oltre due milioni di euro? Un passaggio che riporta in essere la questione delle Province e l’ormai nullità dinanzi ai problemi sul tappeto. La sciagurata riforma Delrio le ha messe al tappeto e non riescono a garantire nemmeno i servizi minimali. A partire dalla manutenzione delle strade e finire all’impossibilità di procedere anche nella gara d’appalto come quella per la Castellelce. Strada, ricordiamo, importante per il congiungimento tra Trignina e Bifernina e che abbraccia tutti i paesi, neanche a farlo apposta, dell’area del cratere sismico degli ultimi eventi di agosto.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Adoc dice no al rinvio dell’introduzione della libertà di scelta del modem

L’AGCOM ha prorogato a fine dicembre l’introduzione del diritto dei cittadini di scegliere liberamente il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*