Home / Campobasso / Campobasso, parte la differenziata con i soliti problemi

Campobasso, parte la differenziata con i soliti problemi

Ancora una  volta la dimostrazione di come al Comune di Campobasso ogni azione si svolga  nella confusione e nell’approssimazione più totale. Questa volta parliamo dell’iter necessario per lo svolgimento della  raccolta differenziata. Non è la prima volta che la raccolta differenziata  finisce nel mirino delle polemiche ma oggi rispetto agli episodi precedenti i disguidi nascono ancora prima  che parta. In breve: la segnalazione di un telespettatore che si reca all’Info Point del centro di raccolta rifiuti per il ritiro delle attrezzature e consegnando la bolletta tari  unitamente al cedolino debitamente compilato si sente richiedere dal dipendente anche il bollettino pagato della TARI. Ora la domanda di un cittadino che ha scritto alla Sea: “  dalla lettura della delibera comunale istitutiva della raccolta differenziata nonchè delle note sul biglietto consegnato nella casella postale, non è richiesto tale ultimo documento: trattasi di un errore del dipendente?”  Legittima la considerazione del cittadino:  “Onere del Comune credo sia verificare se esista una utenza collegata all’abitazione e non se il contribuente abbia o meno pagato la TARI: tale ultima eventuale richiesta viola la privacy in quanto solamente l’ufficio tributi ed i dipendenti appositamente nominati sono autorizzati a trattare i predetti dati sensibili”.  Ancora una considerazione, crediamo  noi legittima, ma Il Comune non doveva già possedere un archivio telematico con tutti i dati degli utenti ?

 

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Reddito d’inclusione, 1.200 domande accolte in Molise

Sono oltre 1.200 le domande accolte in Molise per il cosiddetto Reddito d’inclusione e altrettante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*