Home / Campobasso / Campobasso, ondata di furti

Campobasso, ondata di furti

Ancora un raid in pieno stile quello attuato in nottata a Campobasso da ignoti malviventi che hanno rubato in alcune abitazioni private, toccato un piccolo supermercato ed hanno anche tentato di rubare un mezzo della Sea, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città, dopo essere penetrati all’interno della stessa.  Così come è accaduto all’interno degli uffici della Sea, dove hanno rovistato fra cassetti e armadietti gettando a terra l’inverosimile ma non riuscendo a portare via il mezzo appena acquistato, forse per il sopraggiungere dei primi operai, anche nelle abitazioni private i balordi dopo che hanno portato via quanto rinvenuto hanno gettato a terra il restante. Così, nel piccolo supermercato. Un raid di malviventi che, approfittando anche del forte vento e del maltempo sulla città, hanno agito indisturbati. Non è la prima volta che accade ed anzi sta diventando un fatto sistematico e ripetitivo. Non ci stanchiamo di sottolineare come la città di Campobasso ancora non vede istallato l’impianto di videosorveglianza nonostante i fondi a disposizione. E a questo punto, forse, l’amministrazione comunale non farebbe male se iniziasse a prevedere l’allargamento del sistema di videosorveglianza alla luce dei furti che si stanno ripetendo con troppa frequenza e facilità. Così con guasterebbe il ripristino funzionale del Corpo di Polizia Municipale messo nelle condizioni di potere agire nel controllo pieno del territorio unitamente agli altri uomini delle forze dell’ordine proprio per una migliore gestione del territorio e sicurezza dei cittadini

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Campomarino, un arresto per droga

Nell’abitato di Campomarino, un sessantenne sanseverese è stato tratto in arresto dai Carabinieri della locale …

Un Commento

  1. Sono d’accordissimo con l’allargamento della videosorveglianza. Le zone oggetto di questi gesti inconsulti sono ormai troppe. Ogni quartiere deve avere il suo presidio di telecamere, oltre che maggiori ronde di forze dell’ordine. E infine, CERTEZZA DELLA PENA: questa sconosciuta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*