Home / Cronaca / A Campobasso, minori lanciano oggetti dalla galleria della piscina

A Campobasso, minori lanciano oggetti dalla galleria della piscina

Nella serata di ieri 2 luglio, numerosi automobilisti segnalavano al 113 il lancio ripetuto di oggetti sul manto stradale e sulle autovetture all’altezza della galleria della piscina comunale di Campobasso.  Immediatamente, giungeva sul luogo una pattuglia della “Squadra Volante” che identificava tre minorenni i quali effettivamente, a loro dire per “gioco”, stavano lanciando degli oggetti sulla carreggiata.

Gli   uomini   dell’Ufficio   Prevenzione   Generale   e   Soccorso   Pubblico   intervenuti   sul   posto,   si preoccupavano di  verificare se gli automobilisti in transito avessero subito danni alle autovetture, appurando che solo un’auto era stata lievemente danneggiata.

I ragazzi identificati, su disposizioni del Procuratore di turno presso il Tribunale dei Minori, sono stati subito riaffidati ai propri familiari, scongiurando, così, il verificarsi di eventi più gravi quale conseguenza della loro “bravata”.

La loro posizione è ora al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Droga, bloccato un cittadino africano

Nell’ambito dei mirati servizi finalizzati al contrasto dei reati in materia di stupefacenti posti in …

4 commenti

  1. Maria Teresa Marcantonio

    Che cosa significa “Sono stati subito riaffidati ai loro familiari scongiurando, così, il verificarsi di eventi più gravi”? Pensate che riaffidarli ai genitori senza fargli pagare per il crimine commesso sia sinonimo di una loro futura astensione da questi atti? Quale sarebbe il nesso? A me sfugge. Non mi sfugge, al contrario, il fatto che proprio perché hanno ricevuto una certa educazione familiare (educazione si fa per dire) sono portati a commettere questi gesti inconsulti.

  2. La gioventù di Campobasso e’ totalmente allo sbando. Girovaga nel vuoto, passa dai gradini del tribunale a villa dei Cannoni ad altri luoghi senza combinare nulla, divorata dalla noia. Chissà se i magistrati vorranno applicare la legge in questo caso, facendo pagare questi idioti per quanto hanno commesso. Senza la certezza della pena non si va da nessuna parte!

  3. Giacomo Iacobucci

    Storie di ordinaria follia, sempre impunite. Di qui il loro perpetuarsi. Una vera vergogna.

  4. Alberto Mastrocola

    Il degrado morale a cui è giunta la città è difficilmente riassumibile in poche parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*