Home / Campobasso / Campobasso, il degrado avanza. E gli amministratori?

Campobasso, il degrado avanza. E gli amministratori?

di Giuseppe Saluppo

Dopo aver dotato la città ( Campobasso) d’importanti progetti di sviluppo, di una salda coesione territoriale, di una edilizia d’avanguardia, di una ricca rete stradale e di un sintomatico futuro di bellezza e progresso il sindaco, Antonio Battista, non è rientrato nella classifica di Index research tra quelli che hanno ottenuto maggiore gradimento dai cittadini. Al 37esimo posto c’è il suo collega di Isernia, Giacomo D’Apollonio con il 55% dei gradimenti. Allora, forse, non esiste quella fantomatica “città europea” vagheggiata dal vice sindaco nonché assessore all’urbanistica Bibiana Chierchia? Allora, non è vero che i campobassani si riempiono ogni giorno gli occhi della qualità e della  bellezza urbana e si congratuli con loro stessi per avere la fortuna di abitare una città così curata, assistita, gestita e amata da coloro che sono stati eletti a Palazzo San Giorgio? Vuoi vedere che, questi eletti, saranno ricordati ai posteri per la loro sfrontatezza amministrativa, per la loro arroganza politica, per la loro strafottenza culturale?

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Cotugno: “Puntare sui giovani e la valorizzazione delle eccellenze”

“I giovani come priorità assoluta per il rilancio della nostra regione. E’ il primo punto …

8 commenti

  1. Se non altro saranno ricordati per qualcosa, direttore :-). Tutto questo è semplicemente esecrabile!

  2. Io, però, mi chiederei anche: e i cittadini??

  3. Su http://www.change.org è stata pubblicata una PETIZIONE dal titolo: CERTEZZA DELLA PENA PER I VANDALI DELLE BOMBOLETTE. Per favore, firmatela numerosi se volete avere città più belle! Grazie.

  4. Norberto Maniscalco

    Qualcuno un po’ di tempo fa chiese perché non fosse stata creata una petizione rivolta alle autorità locali o nazionali. A parte che quel qualcuno avrebbe potuto pensarci lui, lo-la informo che la petizione è stata creata. Riguarda una specifica sfaccettatura del degrado, che è l’imbrattamento da bombolette, piaga che sta infestando il nostro Paese nell’indifferenza generale. La petizione si intitola “Certezza della pena per i vandali delle bombolette” ed è presente su change.org. FIRMATE, SE VOLETE BENE A CAMPOBASSO E ALL’ITALIA INTERA.

  5. Non tutti sono disposti a firmare una petizione su questo sito perché se ne firmi una poi ti bombardano il pc con tutto quello che capita, a parte il fatto che Non tutti usano internet,allora per le questioni locali ,sono migliori i vecchi bianchini dove si va a firmare

    • Angelo Calvanico

      Ma non era lei che, proprio su questo quotidiano e a proposito di un articolo simile, ha chiesto la creazione di una petizione? E ora che c’è, se ne lamenta? Suvvia, un briciolo di coerenza!

    • Emanuela, se avesse letto la petizione, avrebbe visto che è diretta a TUTTA ITALIA, perché parla di una legge più severa dell’attuale articolo 639 del codice penale e misure diverse in ambito nazionale. Secondo lei si mette un banchetto solo a Campobasso e per gli imbrattatori lobotomizzati di Campobasso?

  6. Adesso la petizione si intitola “Per un’Italia più bella e decorosa: certezza della pena per i writers”. Sempre su change.org. Il secondo traguardo è stato raggiunto. Ad maiora verso il terzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*