Home / Territorio / Il brindisi al “Viandante” della Cantina San Zenone

Il brindisi al “Viandante” della Cantina San Zenone

Per la Cantina San Zenone di Montenero di Bisaccia, la undicesima Festa del Vino “Una serata con Bacco”, è stata l’occasione per presentare l’ultimo vino nato in casa. Il Viandante Montepulciano è il primo vino Biologico prodotto dalla cantina San Zenone. Il Viandante BIO è prodotto con uve provenienti da circa un ettaro di vigneti coltivati a Montepulciano. Il nome Viandante è il medesimo del vigneto. Per la produzione di questo vino la qualità dell’uva vendemmiata deve essere perfetta, le uve una volta diraspate vengono introdotte in piccoli fermentati a temperatura controllata, la fermentazione e la macerazione durante per circa 15 giorni prima di essere svinati. La fermentazione malolattica è seguita. In tutta la lavorazione i tenori di SO2 sono bassissimi. Il vino viene messo in bottiglia nell’annata successiva, non viene effettuata filtrazione e stabilizzazione solo decantazione naturale.

Una crescita costante, sul piano qualitativo, quella della Cantina San Zenone di Montenero di Bisaccia. Valore e rispetto per il territorio che si ritrovano, con chiarezza, nei vini prodotti. L’amministratrice dell’azienda, Loredana Dragani, nel presentare il Viandante ha detto: “Sono felice per la nascita di questo nostro nuovo vino biologico perché racchiude per intero la nostra storia, che segna l’anno 1975 e la filosofia aziendale”. E’ stata, anche, l’occasione per quanti hanno preso parte alla serata, di potere assaggiare i vini che, nel corso del 2017, hanno ottenuto premi e riconoscimenti. L’assaggio è stato guidato dagli esperti assaggiatori dell’Onav Molise guidati dal presidente, Carla Iorio.

La Cantina San Zenone, dunque, si sta affermando per la qualità e la continua ricerca di nuovi vini legati al territorio e che, da questo, riescono a prenderne l’essenza capace di assicurare loro l’impronta e il carattere.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Infermieri, uno ogni 13 pazienti

In Italia mancano almeno 53mila infermieri e chi presta servizio si trova ad assistere in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*