Home / Lavoro / Boccardo: “L’economia singhiozza. Ancora troppe le ore di Cassa integrazione”

Boccardo: “L’economia singhiozza. Ancora troppe le ore di Cassa integrazione”

“Il Molise nell’utilizzo di ore di cassa integrazione nel mese di dicembre ha segnato il record nazionale con un +660% di incremento rispetto al mese precedente, passando dalle 79mila ore di novembre alle 605mila di dicembre. Un’azione questa, che ha salvaguardato centinaia di posti di lavoro nei più disparati settori che hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali”. Lo scrive la segretaria regionale della Uil, Tecla Boccardo che sottolinea come uno dei settori che più ha avuto problemi è quello legato all’edilizia passato da 160mila ore di cassa del 2016, a quasi 250mila  nell’anno appena trascorso. Segno questo, di come il settore edile, strategico e fondamentale per la tenuta economica e sociale della nostra regione, abbia pagato ancora fortemente gli effetti della crisi. Stabile il dato, invece, relativo all’industria. Note positive, invece, per l’Artigianato, ossia la nostra tradizione manifatturiera, ha segnato uno slancio positivo con un calo del 90% della richiesta di autorizzazione rispetto alla cassa.   Il Molise, ancora,  in termini proporzionali ha sollecitato significativamente l’intervento del Fondo di integrazione salariale dell’Inps, per erogazioni pari a circa 550mila euro. Per la segretaria regionale della Uil, Tecla Boccardo, i dati testimoniano una ripresa che singhiozza e ancora non ha un percorso stabile e continuo. L’auspicio è che le imminenti campagne elettorali, oltre alle più disparate promesse che ci stanno regalando tutti gli schieramenti, non distolgano troppo chi governa dalla complessa situazione in cui ancora ci troviamo, affinché si mettano in campo rapidamente -chiude la segretaria regionale della Uil –  iniziative tangibili e strutturali, puntando su pochi ma qualificati progetti che possano indirizzare il Molise verso un futuro di sviluppo reale”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Un Accordo Quadro per gli ex lavoratori dello zuccherificio  per evitare che, ad elezioni regionali concluse, “Passata la festa, gabbato lo santo”

Non gli è costata fatica all’assessore regionale alle attività produttive Veneziale spendersi in varie ipotesi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*