Home / Politica / Bandi periferie, sospesi dal Governo che autoriza i Comuni ad utilizzare gli avanzi di amministrazione

Bandi periferie, sospesi dal Governo che autoriza i Comuni ad utilizzare gli avanzi di amministrazione

“Inaccettabile oltre che incomprensibile la notizia della sospensione dei finanziamenti per il Bando delle Periferie Urbane votata ieri al Senato della Repubblica”. Così i sindaci di Campobasso e Isernia. “L’approvando provvedimento di legge penalizza la città di Campobasso – finanziata per 18 milioni di euro – e la città di Isernia finanziata per oltre 10 milioni di euro. Una scelta gravissima che danneggia pesantemente le due realtà, ma anche tutto il Molise. Dal recupero, ricucitura e riqualificazione dei quartieri interessati, tra gli obiettivi del Bando, sarebbero scaturiti posti di lavoro e servizi. Da qui l’appello a tutte le autorità, al Governo, e ai parlamentari affinché i programmi e i progetti non vengano definitivamente bloccati, progetti che possono cambiare in meglio la vita di Campobasso e Isernia”. “Con un nostro emendamento nel Decreto Milleproroghe – replica la viceministra all’Economia Laura Castelli – abbiamo liberato un miliardo per gli investimenti dei Comuni, invertendo la rotta rispetto ai disastri del Partito Democratico. I vincoli di bilancio imposti dal Pd in questi anni hanno infatti impedito ai sindaci di utilizzare gli avanzi di amministrazione accumulati negli esercizi precedenti. È ridicolo che gli attacchi a un provvedimento che ridà finalmente respiro agli Enti locali vengano proprio da chi ha attuato queste scellerate politiche di austerity”. Quanto ai fondi per le periferie, per Garavaglia si tratta solo di una “riprogrammazione, se ci sono buoni progetti verranno ampiamente recuperati nei prossimi anni. Sapete quanto era stato speso finora? Zero euro. E noi avevamo un’esigenza impellente di sbloccare quei soldi”. Del resto, con il Milleproroghe,   sono stati sbloccati 140 milioni di euro per il 2018, 320 milioni per il 2019, 350 milioni per il 2020 e 220 milioni per il 2021. “Sono poi i Comuni che potranno decidere come spenderli secondo il principio dell’autonomia”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Di Niro: “Al via azioni legali per i ritardati pagamenti”

All’esito della riunione assembleare svoltasi il 13 settembre, della lettera pec inviata dall’ACEM il giorno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*