Home / Territorio / Bandi periferie, forse una soluzione

Bandi periferie, forse una soluzione

Forse verso una soluzione la questione dei bandi per le periferie che erano stati sospesi a seguito del Milleproroghe. “La soluzione che intendiamo adottare è quella di inserire nel primo decreto utile (successivo alla conversione del Milleproroghe) una norma che di fatto dia la possibilità di recuperare la realizzabilità dei progetti già in fase avanzata”- ha detto il presidente del Consiglio dei ministri, Conte ai rappresentanti dell’associazione dei comuni.   “In sostanza – ha aggiunto il premier -, questo garantirà un’agevole prosecuzione dei progetti già esecutivi, fondamentali per mettere le amministrazioni comunali nelle condizioni di garantire ai cittadini servizi e investimenti, offrendo le risorse necessarie sulla base del reale stato di avanzamento dei progetti”. Ricordiamo che ad essere interessate sono le città di Campobasso con 18 milioni di euro e quella di Isernia con 10 milioni di euro. A Campobasso, il comune ha pensato al recupero del mercato coperto di via Monforte e della ex scuola Notte mentre il comune di Isernia tra le principali opere figurano la realizzazione del museo emozionale e della sede dell’alta formazione e della finanza innovativa all’interno del complesso dell’auditorium Unità d’Italia, il recupero di una serie di edifici comunali già destinati alla didattica e al social-housing, la valorizzazione a fini ricreativi e sportivi di spazi pubblici di interesse ambientale e insediativo. Ora, sembra aprirsi uno spiraglio in attesa di vedere quale provvedimento sarà adottato

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Non facciamo del Molise un vuoto a perdere

di Giuseppe Saluppo Case senza famiglia, disabitate d’anime, nascite e cuori; non case, ma vuoti …

Un Commento

  1. È uno sconcio che per dare ” mancette ” a pochi si tolgano ai comuni fondi già stanziati a favore di intere cittadinanze. La riconversione umanizzata delle periferie potrebbe bloccare sacche di degrado urbano che possono diventare zone ad alto rischio criminalità ,ma evidentemente questo non interessa e non preoccupa,come sembra non preoccupare l’economia del paese che offra posti di LAVORO. Sindaci ,ribellatevi qualunque sia la parte politica che vi ha eletti! Lavoro e sicurezza dovrebbero essere il primo pensiero di chi governa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*