Home / Politica / “Bandi per le periferie, basta con il tira e molla”

“Bandi per le periferie, basta con il tira e molla”

Sono i sindaci di Campobasso e Isernia a ribadire al governo la necessità di ripristinare i fondi destinati ai bandi per le periferie. Un taglio dannoso che andrebbe a scapito dei territori e delle economie locali. Ma di non solo promesse, ha sottolineato il sindaco di Campobasso, Antonio Battista, abbiamo bisogno. Oggi, c’è l’impegno formale, assunto dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, davanti a una delegazione Anci formata da 14 sindaci e al proprio staff tecnico e legale, al termine di oltre due ore di confronto serrato e anche duro, a – cito testualmente- “abrogare nei prossimi giorni, con il primo decreto utile, l’emendamento inserito nel Milleproroghe che sospende le convenzioni e i finanziamenti per 96 progetti del Bando Periferie”. E’ un pezzo di Stato che prende un accordo e una responsabilità davanti a un altro pezzo di Stato, vale a dire i Comuni. E’ chiaro, che nel caso in cui, questo impegno non si traducesse nei tempi dichiarati in quell’atto ufficiale che ripristinerebbe l’efficacia di contratti formali sottoscritti dallo Stato stesso, partirebbero immediatamente i ricorsi amministrativi e si interromperebbero immediatamente le relazioni istituzionali tra Governo e Comuni, con conseguenze dirette per le decisioni da assumere nella Conferenza Stato-Regioni che si vedrebbe anche bloccata”. Ha parlato di tira e molla, il sindaco di Isernia Giacomo D’Apollonio che ora, però, ritiene che il governo debba assicurare i dovuti fondi. “Gli impegni non possono essere disattesi”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

ROMAGNUOLO (LEGA): UN MIO ORDINE DEL GIORNO A DIFESA DEI  LAVORATORI FORESTALI

“Sarà mia premura presentare al prossimo Consiglio regionale del Molise, un ordine del giorno per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*