Home / Politica / Assindustria, per l’agroalimentare la scelta è su Colavita

Assindustria, per l’agroalimentare la scelta è su Colavita

E’ Vincenzo Longobardi, amministratore delegato della Performance Additives Italy industria chimica di Termoli a subentrare a Massimo Giaccari alla guida dell’Associazione industriali del Molise.  Il presidente è stato votato dall’Assemblea dei soci. Tre i vicepresidenti: Enrico Colavita, Massimo Giaccari e Mauro Natale. Entrambi accomunati dall’essere stato presidenti della stessa associazione. Per il nuovo presidente di Assindustria, bisogna guardare all’esterno della regione. Per noi oggi la sfida è creare le condizioni perché il Molise – magari o finalmente inserito in un contesto territoriale più ampio, ad esempio l’area Mezzogiorno! –  possa tornare a crescere in Italia e in Europa, utilizzando le leve di sviluppo idonee a tal fine”.

Ma proprio sulla questione territorio e sulla rappresentanza dell’agroalimentare, non ha trovato più spazio chi, pure, del territorio ha fatto la sua forza. Ci riferiamo alla rappresentanza del pastificio La Molisana. Il ritorno alla vice presidenza di Enrico Colavita, che si era dimesso ad inizio d’anno per candidarsi alle elezioni politiche come indipendente nella lista al Senato, del Partito democratico, ha determinato nuovi equilibri all’interno dell’associazione degli industriali del Molise. Del resto, proprio la famiglia Colavita, rilevando il marchio del pastificio Colavita, avrà la rappresentanza dell’agroalimentare spodestando, di fatto, chi questo settore ha rappresentato nel recente passato. Del resto, proprio,  La Molisana da sempre opera sul territorio e con continuità e  tanto ha dato al sistema agroalimentare della città di Campobasso e non solo. Forse, si pensava che potesse essere proprio Rossella Ferro chiamata a guidare il settore dell’agroalimentare dell’associazione industriali del Molise. Le scelte, però, sono state altre. Uno smacco, anche, per la città di Campobasso.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Liste d’attesa, il calvario

157 giorni per una Tac al Cardarelli, 365 per un ECOCOLOR DOPPLERGRAFIA CARDIACA al Veneziale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*