Home / Economia / Area di crisi non complessa, l’elenco dei Comuni

Area di crisi non complessa, l’elenco dei Comuni

Area di crisi industriale non complessa, la Giunta regionale ha individuato, ai sensi del decreto del Ministro dello sviluppo economico del 4 ottobre 2016, l’elenco dei comuni molisani da ammettere alle agevolazioni previste dalla normativa. Lo comunicano il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, e l’assessore Carlo Veneziale.

Termoli, San Salvo (comuni molisani), Campobasso, Isernia e Agnone corrispondono ai cinque Sistemi locali del lavoro (SLL) in cui è stato suddiviso, con decreto dal Mise, il territorio molisano non ricadente nell’area di crisi complessa già riconosciuta il 7 agosto 2015 e comunque gravato da un evidente indebolimento industriale e occupazionale.

L’elenco approvato ricomprende i seguenti comuni per una popolazione complessiva di 85 mila abitanti:

  • Sistema locale del Lavoro di Termoli: Campomarino, Guglionesi, Larino, Petacciato, Portocannone, San Giacomo degli Schiavoni, San Martino in Pensilis, Termoli, Ururi;
  • Sistema locale del lavoro di San Salvo: Montemitro, Montenero di Bisaccia, Roccavivara, San Felice del Molise;
  • Sistema locale del lavoro di Campobasso: Duronia, Salcito;
  • Sistema locale del lavoro di Agnone: Belmonte del Sannio, Capracotta, Castelverrino, Pescopennataro, Poggio Sannita, Sant’Angelo del Pesco;
  • Sistema locale del lavoro di Isernia: Civitanova del Sannio, Conca Casale, Roccamandolfi.

“Lo trasmetteremo al Ministero dello sviluppo economico”, dichiarano Frattura e Veneziale.

“Abbiamo indicato i comuni in cui insistono realtà aziendali di assoluto interesse per la nostra economia. L’abbiamo fatto adottando – spiegano –, criteri oggettivi volti a favorire la ripresa produttiva e occupazionale nei territori già agevolati da strumenti di accompagnamento e nelle aree da sempre centrali nelle attività imprenditoriali della nostra regione, a cominciare dal Nucleo industriale del Basso Molise”.

“Nella definizione dei perimetri per l’area di crisi non complessa – aggiungono il presidente e l’assessore –, determinante è stata la situazione di crisi generata dall’intera filiera collegata allo Zuccherificio”.

“Con questo nuovo atto, l’approvazione dell’elenco dei comuni inseriti nei 5 Sistemi locali del lavoro, facciamo un altro importante passo avanti per il rilancio e la riqualificazione del nostro tessuto produttivo e soprattutto lavoriamo per favorire l’occupazione, è la nostra priorità. Tutto il nostro territorio, attraverso l’area di crisi complessa, che comprende i nuclei industriali di Campochiaro, Bojano e Venafro ed è forte della candidatura di circa mille manifestazioni di interesse, e l’area di crisi non complessa particolarmente concentrata nei distretti aziendali del Basso Molise, ha davanti a sé un’opportunità straordinaria legata agli strumenti e alle agevolazioni che sapremo mettere a frutto per la ripartenza del nostro Molise in termini di professionalità, competitività e capacità di innovarsi e rinnovarsi”, concludono Frattura e Veneziale.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

In Consiglio regionale, rendiconto e assestamento

Un Consiglio regionale alle prese con i rendiconti finanziari del 2017, dell’assestamento di bilancio per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*