Home / Politica / “Anche l’Anas via dal Molise. E la politica tace mentre le strade sono impercorribili”

“Anche l’Anas via dal Molise. E la politica tace mentre le strade sono impercorribili”

 

Il Segretario Generale della UILPA ANAS Molise, Carmine Battaglia, vuole segnalare nuovamente alla pubblica opinione la situazione della viabilità molisana.  Le difficili condizioni meteorologiche che in questi giorni hanno colpito il territorio molisano sottolineano, ancora una volta, come la viabilità di questa regione si trovi in una situazione di profonda criticità. Condizione data senz’altro anche dalla mancanza di una riorganizzazione della rete stradale regionale, problematica segnalata da mesi dalla UILPA ANAS Molise. Sebbene sia trascorso più di un anno dall’incontro sul tema organizzato dalla UILPA ANAS Molise, incontro a cui aderirono la Regione Molise,  la Provincia di Campobasso e le altre Istituzioni interessate, la situazione, nel concreto,  non si è evoluta.  Ad oggi il progetto comune allora immaginato ancora non è stato portato a compimento e, sebbene l’ Assessorato ai Lavori pubblici ed Infrastrutture abbia inviato il carteggio al Compartimento della Viabilità per il Molise, nulla di più è stato fatto e mancano ancora quella riclassificazione ed il passaggio di gestione a favore dell’ ANAS delle ex Strade Statali e strade provinciali, così come già da tempo fatto in altre virtuosissime Regioni italiane. Passaggio che, lo si ricorda, risolverebbe non pochi problemi di gestione ad Enti che, come le Province, per problemi di risorse economiche,  sono state costrette a diminuire le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria. E vi è di più. L’avvenuto incorporamento del Compartimento della Viabilità per il Molise nel Coordinamento Territoriale Adriatica (Macro-area Adriatica Abruzzo, Molise, Puglia), nell’ambito dell’ apparato riorganizzativo aziendale ANAS, potrebbe limitare non poco l’incisività del già piccolo e spesso dimenticato  territorio molisano a livello nazionale, soprattutto dinanzi alla grande lacuna conseguente all’inerzia burocratico-amministrativa, che ancora non consente alla viabilità molisana di avere un idoneo riassetto della rete stradale. Mancanza che potrebbe essere vista come una profonda inefficienza dell’attività degli Enti coinvolti.

La UILPA ANAS Molise, nel sollecitare nuovamente la proficua collaborazione della Regione Molise e dell’ANAS,  auspica la costituzione di un Tavolo tecnico presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per un celere accoglimento del progetto originario in materia di riorganizzazione della rete stradale regionale. La UILPA ANAS Molise, inoltre, chiede la politica molisana difenda con forza la presenza sul territorio del Compartimento della Viabilità per il Molise, opponendosi alla creazione delle macro aree, deleterie per la presenza di servizi sul nostro territorio, come ampiamente dimostrato dal caso della Telecom, delle Ferrovie, dell’Enel. Il disservizio  potrebbe essere amplificato , nel caso dell’ANAS, per diverse motivazioni, tutte di pari importanza ed in particolare se si considera che l’ANAS deve garantire la sicurezza degli utenti delle strade, coadiuvare i soccorsi in caso di emergenza neve,  anche apportando un proficuo supporto ai Comuni e alle centrali Enel per il ripristino dell’energia elettrica, evitare lo spopolamento dei piccoli comuni, migliorando la viabilità e promuovere lo sviluppo infrastrutturale, messo a rischio dalla perdurante inerzia delle Istituzioni. La presenza del Compartimento della Viabilità per il Molise è un dato fondamentale per la nostra regione, che va difeso con le unghie e con i denti, con la collaborazione di tutti i soggetti istituzionalmente preposti, delle Organizzazioni Sindacali, dei lavoratori e degli utenti tutti. Solo insieme, protestando nelle sedi opportune e ciascuno per la propria competenza, si può credere in un risultato positivo per il nostro Molise

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Toma: “Banda larga entro il 2020”

«Troppo importante per lo sviluppo delle imprese e per combattere l’isolamento delle aree interne. Vogliamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*