Home / Politica / Acqua, tre passaggi e tiro in porta
Fresh water splash

Acqua, tre passaggi e tiro in porta

di Giuseppe Saluppo

 

Noi, è vero, facciamo un altro mestiere. Dinanzi, però, all’ennesimo rinvio in Consiglio regionale della discussione sulla proposta di legge di istituzione dell’Egam, l’ente che dovrebbe sovrintendere alle risorse idriche molisane, qualche pensierino lo tiriamo giù. La proposta è partita da una delibera di Giunta regionale bloccata dal Tar. Delibera che, a detta di alcuni Sindaci, avrebbe aperto la porta alla privatizzazione del sistema. Così, il tutto è tornato in Consiglio regionale. Nessuna riunione di maggioranza sull’argomento. In ordine sparso. E sparse sono state le posizioni. Votazioni terminate a parità di voti sui singoli punti e, non di rado, maggioranza giù come nel caso della individuazione del direttore dell’ente stesso. Quindi, il rinvio del Consiglio regionale di una quindicina di giorni al 31 marzo. Sembrava dovesse essere la volta buona per un’aggiustatina del tiro. Così, però, non è stato. Ed ancora un intoppo. Tanto da fare aggiornare la seduta del Consiglio regionale di altri quindici giorni. Si arriverà in piena settimana Santa a giovedì 13 aprile. E, per intanto, salgono a due i mesi di sostanziale fermo dell’attività consiliare. La domanda che si pone il cittadino di strada: scusate, ma se tutti dicono di volere conservare l’acqua come bene pubblico perchè non si riesce a trovare la quadra? Perchè, allora, non si tenta di semplificare il testo legislativo e scriverlo a più mani? La semplificazione aiuterebbe a capire il cittadino, a rendere giustizia all’acqua dei molisani e, soprattutto, non lascerebbe vie di fuga verso possibili privati. Troppo semplice o semplicistico? La buona politica, però, vorrebbe proprio questo. Conservare la natura pubblica dell’unica risorsa che il Molise ha, l’acqua; riformulare lo Statuto di Molise Acque per essere messa in grado di giocare per bene la partita; rimodellare il testo legislativo per la società in house. Tre passaggi e tiro in rete.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Guarracino: “Vertenza lavoro, il punto più nero del Molise”

“Ieri ho ascoltato con molta attenzione il Segretario del PD, Matteo Renzi, nella sua performance …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*