Home / Cronaca / Campitello Matese, riapre la strada. Controlli sui siti interessati dalle slavine

Campitello Matese, riapre la strada. Controlli sui siti interessati dalle slavine

Giovedì, sarà riaperta dalla Provincia di Campobasso, la strada per Campitello Matese. Nel tratto interessato da possibili slavine, 500 metri, la strada sarà a senso unico alternato. Intanto, continua incessante l’attività del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) che vede impegnate squadre di tecnici del Servizio regionale Molise nel sito della tragedia dell’hotel Rigopiano a Farindola (PE) e nelle frazioni isolate del teramano e, contestualmente, in Molise per il presidio del territorio a seguito dell’emergenza neve. Sul nostro territorio regionale è in particolar modo attenzionata l’area di Campitello Matese a seguito delle quattro slavine che hanno ostruito la strada provinciale 106.  Da diversi giorni i tecnici del CNSAS sono impegnati in attività di assistenza al personale della Protezione Civile e dell’Aineva (associazione interregionale neve e valanghe) che ha effettuato monitoraggi e rilievi nivologici sui siti interessati dalle slavine. Questa mattina è stato richiesto l’intervento di un elicottero dell’Aeronautica per effettuare un sopralluogo del Massiccio del Matese allo scopo di tentare di valutare, per quanto possibile, la stabilità del manto nevoso e la presenza di eventuali accumuli di neve nei bacini di alimentazione dei canali valanghivi. A bordo tecnici del Soccorso alpino hanno assistito un esperto valanghe inviato dal Dipartimento nazionale di Protezione civile ed uno del Servizio regionale di Protezione civile. Il CNSAS ha preso parte, inoltre, alle sedute della Commissione valanghe istituita presso il Comune di San Massimo.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Colozza, individuati i vandali

A seguito dei recenti episodi di furti tentati e consumati verificatisi in alcuni edifici scolastici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*