Home / Campobasso / Una foto per cancellare lo scempio urbanistico

Una foto per cancellare lo scempio urbanistico

di Giuseppe Saluppo

Sono stato rapito da questa fotografia che mi è passata sotto gli occhi. Una Campobasso d’antan. Dove rintraccio le scintille illuministiche che hanno illuminato la città murattiana, l’unica, con l’assieme del borgo medievale, che abbia un profilo, un nesso, un valore riconoscibile. Oggi, aggiungo, vivibile. Quelle campagne d’allora, oggi, brulicano di palazzi. Nati male. Senza un piano regolatore. E la città ne risulta privata d’identità urbanistica e, quindi, di un modello di vita. E, allora, lascio questa foto a primeggiare nella mente. Per cancellare, seppure per un solo momento, lo scempio del territorio fatto.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Addio alla tradizione agro/alimentare tricolore”

di Massimo Dalla Torre Un tempo l’Italia era la patria della cucina, tant’è che quando …

Un Commento

  1. Michelangelo Bertazzoni

    Ormai è meglio raccogliere foto d’altri tempi e guardarle spesso per dimenticarsi del brutto imperante in città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*